Francavilla Fontana, eletti due consiglieri comunali stranieri

L’affluenza registrata è stata del 18 per cento e i votanti erano espressione di 10 diversi Paesi del Mondo

FRANCAVILLA FONTANA – Si apre una nuova pagina di storia fatta di inclusione e condivisione a Francavilla Fontana: eletti due consiglieri comunali stranieri, Mohammed Kieta e Mohammed Hadef. Le elezioni si sono svolte ieri, domenica 27 gennaio. Al voto erano chiamati i 140 cittadini extracomunitari residenti a Francavilla Fontana da almeno 2 anni. L’affluenza registrata è stata del 18 per cento e i votanti erano espressione di 10 diversi Paesi del Mondo. Il consigliere più suffragato, con 19 preferenze, è stato Mohamed Keita.

I consiglieri stranieri, così come previsto dallo statuto comunale, avranno il diritto di partecipare e di prendere parola nelle sedute del consiglio comunale e nelle commissioni permanenti. Avranno inoltre la possibilità di avanzare proposte che, se riconosciute meritevoli dalla conferenza dei capigruppo, potranno costituire ordini del giorno su cui il consiglio comunale dovrà esprimersi, ma non avranno diritto di voto, non concorreranno a formare il numero legale delle sedute ed eserciteranno il loro ruolo a titolo gratuito.

Keita Mohammed

Mohammed Keita è giunto in Italia dalla Costa d'Avorio dopo aver attraversato l’Africa passando per lo stato del Burkina Faso, il Niger e la Libia, da dove si è imbarcato per raggiungere le coste pugliesi. In Italia ha mostrato sin da subito un grande amore per il nostro Paese e si è messo subito al lavoro per imparare la lingua italiana frequentando assiduamente i corsi di alfabetizzazione. Nel 2016 si è trasferito a Francavilla Fontana presso lo Sprar Baiti dove è stato seguito nel suo percorso di studi. Keita dapprima ha ottenuto la licenza media e successivamente si è iscritto all’Istituto tecnico commerciale “Giovanni Calò” che ha frequentato con ottimi risultati sino al quarto anno. Da aprile del 2018 è stabilmente impiegato presso una azienda leader del settore agroalimentare di Francavilla, ha affittato un appartamento, e spera di riuscire a completare il suo percorso di studio nel più breve tempo possibile.

Mohammed Keita-2“Sono felice e orgoglioso di essere stato eletto consigliere comunale Aggiunto – dichiara Mohamed Keita - è molto importante per noi stranieri poter portare nelle sedi istituzionali la nostra esperienza e le difficoltà che vivono i numerosi cittadini extracomunitari presenti a Francavilla. I francavillesi, con cui possiamo fare tante cose, mi hanno accolto e aiutato a sentirmi bene. So che non sono l’unico ad avere questo senso di gratitudine nei loro confronti e, come me, tanti altri ragazzi hanno trovato qui la loro nuova casa. Sono felice, inoltre, di poter portare la mia storia come esempio – conclude Keita – perché l’integrazione passa da un atteggiamento di reciproca collaborazione e opererò per  aprire un ponte per una crescita reciproca”.

Mohammed Hadef

Mohammed Hadef, 66 anni,  vive in Italia dal 1992 ed è residente a Francavilla Fontana dal Mohammed Hadef-22000. Vive con la moglie e tre figli. La primogenita di 28 anni è laureata in lingue. Il secondogenito (nato a Francavilla Fontana) è laureando in economia aziendale. Il più piccolo è da poco iscritto alla facoltà di psicologia dell’Università di Torino. Mohammed Hadef è Imam presso la moschea di Latiano e segretario dell’associazione La speranza che si occupa di agevolare l’integrazione degli immigrati sul territorio italiano. Per professione si occupa di favorire gli scambi commerciali tra Italia e Marocco.

“Vivo a Francavilla da di più di 20 anni e per me l’integrazione è un dato acquisito – dichiara Mohammed Hadef – qui non mi è mancato mai niente e la città di Francavilla è sempre stata un luogo molto accogliente per me e la mia famiglia. Con la mia storia e la mia esperienza spero di poter contribuire alla diffusione di un'idea di integrazione reale”.

"Uno straordinario messaggio di integrazione"

 “In un giorno simbolo della Memoria, quale il 27 gennaio, la Città di Francavilla Fontana risponde alle volgari aggressioni agli stranieri con uno straordinario messaggio di integrazione – dichiara il sindaco Antonello Denuzzo – sono felicissimo per questo passo di civiltà della nostra città che si apre istituzionalmente all’ascolto di chi vive, lavora e contribuisce quotidianamente alla crescita di Francavilla. Esprimo un sincero ringraziamento agli uffici comunali, ed in particolare all’Ufficio elettorale, per l’ottimo lavoro svolto e per aver consentito alla nostra Città di fare un passo in più verso un mondo fatto di integrazione. Ai due nuovi consiglieri – conclude il sindaco – giungano i miei sinceri auguri di buon lavoro”.

“Provengono da 10 paesi del Mondo coloro che nella giornata di ieri hanno eletto i due consiglieri comunali aggiunti – dichiara il presidente del consiglio comunale Domenico Attanasi – dando vita ad uno straordinario esperimento civico e segnando un passo in avanti significativo sul fronte della civiltà, della tolleranza e della integrazione tra i popoli. Da presidente del consiglio – conclude Attanasi – non posso che aprire simbolicamente le porte del consiglio comunale alle nuove idee e istanze di cui legittimamente si faranno portatori i due nuovi componenti.”

Potrebbe interessarti

  • Stp: rinnovate tutte le corse per le marine della provincia

  • Farmaci generici e farmaci di marca: sono uguali?

  • Come organizzare una cena a buffet a casa

  • Anguria, antiossidante: proprietà, benefici e controindicazioni

I più letti della settimana

  • Ritrovato il giovane mesagnese scomparso a Milano ad aprile scorso

  • Vessata per 18 anni dal marito e dalla suocera: l'incubo di una donna

  • Tir si ribalta, poi tamponamento a catena: doppio incidente sulla statale

  • Frattura il naso e lo zigomo alla fidanzata, soccorsa da automobilista

  • Tamponamento sulla superstrada: tre feriti, anche una bambina. Auto distrutte

  • Arriva l'ondata di caldo: ci salverà in parte il maestrale

Torna su
BrindisiReport è in caricamento