Offerta turistica e valorizzazione monumenti: ecco l’avviso pubblico

Convenzione triennale. Corrispettivo da 45mila euro all’anno fino al 2021. Potranno partecipare alla gara le associazioni o imprese che tra i propri scopi statutari, la “Gestione e Valorizzazione del Patrimonio Culturale”

BRINDISI - Ultimata la convenzione con l’associazione culturale “Le Colonne”, il Comune di Brindisi cerca un nuovo soggetto per la valorizzazione dei beni monumentali cittadini, la qualificazione e promozione dell’immagine e dell’offerta turistico-culturale, la fruibilità ed accessibilità delle sedi. Un avviso pubblico rivolto ad associazioni di volontariato e di promozione sociale e ad imprese operanti nel settore è stato pubblicato nel pomeriggio di venerdì (3 maggio) sull’albo pretorio dell’amministrazione comunale. La nuova convenzione, della durata triennale, prevede un corrispettivo annuo fino a un massimo di 45mila euro, “a titolo di rimborso spese per i costi sostenuti, ivi compresi quelli per le prestazioni orarie rese a titolo di volontariato dagli associati nonché per quelle lavorative rese dai collaboratori”.

L’avviso è stato emanato tramite una determina a firma del dirigente del settore Politiche educative e culturali, Nicola Zizzi. Obiettivo della convenzione, come emerge da una relazione tecnica redatta dallo stesso Zizzi, è quello di dare continuità al “Past (Patrimonio archeologico, storico turistico) Brindisi”, “un sistema integrato di promozione del territorio e di valorizzazione e fruizione dei beni culturali della città” costituito nell’ambito del rapporto instauratosi con l’associazione Le Colonne.

I requisiti

Potranno partecipare alla gara le associazioni o imprese che tra i propri scopi statutari, la “Gestione e Valorizzazione del Patrimonio Culturale”. Fra i requisiti richiesti alle associazioni vi è quello di aver “già, in forma privata o mediante rapporti con soggetti pubblici, elaborato ed attuato progetti valorizzazione culturale del territorio e dei beni monumentali”. L’associazione o l’impresa, inoltre, “direttamente e tramite i propri associati, soci, collaboratori”, deve possedere “una adeguata conoscenza del territorio e dei beni monumentali della città di Brindisi”. Le stesse devono avere, in una misura pari almeno al 70 per cento, delle figure in possesso dei seguenti titoli di studio: diploma di laurea in “Scienze Umane” o  in “Conservazione e Gestione dei Beni Culturali” o in “Lingue e Letterature Straniere” o in “Lettere”, o in “Studi Sociali e Umanistici” o altre lauree equipollenti, purché aventi indirizzo prioritario nel turismo, nella promozione territoriale, nella archeologia, nella storia dell'arte, nella storia del territorio e dei beni storico-monumentali (lauree magistrali del vecchio ordinamento o almeno triennali del nuovo ordinamento); abilitazione all'esercizio delle professioni di “guida turistica” o di “accompagnatore turistico” rilasciata dalla Regione Puglia;

Le attività

La gamma di attività previste dalla convenzione è parecchio ampia.  Tra queste rientrano: l’elaborazione, “d’intesa con il Comune, di un programma per la promozione del territorio, fruizione e valorizzazione dei beni culturali di proprietà dello stesso o comunque siti in città, anche coinvolgendo altre Associazioni ed enti presenti nel territorio”;  l’elaborazione di “itinerari per la visita ai beni artistici, culturali e monumentali, per la loro migliore conoscenza e fruizione nel tempo dedicato alla visita”; lo svolgimento di “attività di laboratorio ed educazione storico culturale anche in sinergia con le scuole”;

E poi: “l’elaborazione, lo sviluppo e l’aggiornamento dei contenuti del sito web ‘visitbrindisi.it’” di proprietà del Comune di Brindisi e dei canali social dedicati, nonché i contenuti da inserire nelle guide cartacee, online e a disposizione della consultazione da parte dei visitatori a mezzo di apps e scan-code, nonché delle attività connesse di aggiornamento delle stesse”;

Ancora: la “collaborazione con le strutture tecnico-organizzative del Comune per le iniziative da questi promosse per la valorizzazione dei beni culturali inclusi la partecipazione a bandi, avvisi pubblici e manifestazioni di interesse, attività di alternanza Scuola-Lavoro su progetti specifici nell’ambito della promozione turistica e culturale della città, realizzazione di iniziative culturali e di promozione del territorio, elaborazione di loghi, comunicazione e grafica in occasione di eventi finalizzati alla promozione identitaria di Brindisi”.

L’associazione dovrà inoltre “fornire assistenza ad eventuali soggetti autorizzati dal Comune ad utilizzare l’immobile assicurando il corretto uso e la tutela del bene vincolato”, oltre a “fornire supporto ai servizi di apertura/chiusura dei beni monumentali, di fornitura dei servizi di accoglienza e di guida negli stessi”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brindisi, ospedale Perrino: turista lombardo positivo al Covid-19

  • Furgone si ribalta sull'autostrada: brindisino muore in Veneto

  • Spari contro il balcone di un'abitazione: feriti marito e moglie

  • Giovane malmenata in strada: carabiniere fuori servizio blocca fidanzato violento

  • Ostuni torna a popolarsi di vip, fra cantanti ed ex campioni del mondo

  • Mesagne, un tuffo nel blu: quando l’asfalto si fa tela

Torna su
BrindisiReport è in caricamento