Contributi sugli affitti 2018: 328 ammessi, graduatoria al vaglio della Finanza

Il Comune: “Fondi insufficienti per il fabbisogno pari a 784mila euro”. Possibile premialità dalla Regione Puglia

BRINDISI –  Il Comune di Brindisi ha approvato la graduatoria per il riconoscimento dei contributi sui canoni sui canoni di locazione, dopo il bando valido per il 2018. A fronte di 376 domande, ne sono state ammesse 328. L’elenco sarà trasmesso alla Guardia di Finanza per accertare la veridicità delle autodichiarazioni.

L'ingresso dell'ufficio Casa-3La graduatoria

Quarantotto sono state le istanze escluse o perché pervenute fuori termine o perché mancanti di documenti o notizie insufficienti al calcolo del contributo o, infine, perché il canone di locazione dichiarato è risultato inferiore rispetto all’incidenza dello stesso sul reddito. Escluse anche le domande non firmate e relative a contratti di affitto non registrati.

I fondi

A disposizione del Comune ci sono in primis i fondi della Regione Puglia, stanziati con delibera della Giunta il 4 novembre scorso, per un ammontare pari a 187.229,84 euro. L’Amministrazione ha aggiunto un “proprio cofinanziamento di 80mila euro”, approvando contestualmente lo schema di domanda e il bando pubblico per l’accesso ai contributi per il sostegno alle abitazioni in locazione.

La Regione ha poi disposto, in aggiunta allo stanziamento iniziale, che il “Comune di Brindisi possa utilizzare anche le somme residue relative al fondo per la morosità incolpevole, impegnate ma non erogate nel 2016, per 144.732,77 euro, nonché 20.832,39 nel 2017 e 62.134,04 nel 2018, per un totale di 227.629,20 euro”.

Il fabbisogno

Il bando è stato pubblicato dall’8 sino al 23 novembre 2019. Dopo la verifica dei requisiti, l’Amministrazione ha incluso 247 istanze nella fascia A e 81 per la fascia B, distinte in relazione al reddito. Gli elenchi sono stati pubblicati sul sito internet del Comune.

“I fondi disponibili restano ancora insufficienti rispetto al fabbisogno”, spiegano dagli uffici di Palazzo di città. “Per questo è stato necessario procedere con un abbattimento del contributo assegnato, secondo un principio di gradualità pari al 36,92 per cento di quelle effettivamente spettante”. Stando al conteggio delle istanze, il fabbisogno del Comune per l’anno 2018, ammonta a 784.686,67 euro.

“La graduatoria indica la misura del contributo economico assegnato da corrispondere ai beneficiari, sino alla concorrenza del finanziamento complessivo e fatte salve eventuali economie che potranno essere ripartite dalla Regione Puglia, all’esito delle risultanze degli altri bandi, tra i capoluoghi di provincia”, precisano dagli uffici di Palazzo di città.

Il pagamento e la denuncia penale

Non è neppure da escludere che gli importi riconosciuti nell’elenco dei beneficiari subiscano variazioni perché la Regione, così come è avvenuto negli anni passati, potrebbe riconoscere una somma aggiuntiva a titolo di “premialità” per il Comune di Brindisi. In ogni caso, il pagamento dei contributi avverrà solo dopo che la Regione accrediterà la somma.

Nel caso in cui dalle verifiche poste in essere dalla Guardia di Finanza, dovessero risultare autodichiarazioni non veritiere si procederà alla denuncia penale, in forza della convenzione sottoscritta con il Comune nel 2006.

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giallo di Ceglie: i due rumeni si sarebbero uccisi a vicenda

  • Attentato a Brindisi: bomba devasta l'ingresso di un bar in viale Commenda

  • Incidente sulla circonvallazione: giovane motociclista in ospedale

  • Inseguimento si conclude con scontro frontale: un arresto

  • Grave aggressione contro operatori del 118: danneggiata un'ambulanza

  • Incidente sulla superstrada, auto contro alberi: grave un giovane

Torna su
BrindisiReport è in caricamento