Isole ecologiche a Brindisi, previste anche telecamere: ecco la mappa

Nei rioni Sant’Elia, Commenda, Paradiso, Bozzano, Perrino, Casale, Santa Chiara, Centro e Tuturano. Accesso con tessera sanitaria

BRINDISI – Dieci isole ecologiche automatiche, con telecamere per evitare atti di vandalismo, in arrivo a Brindisi, per essere posizionate in Centro, nei quartieri e nella frazione di Tuturano. Potranno essere usate con la tessera sanitaria.

mappa isole ecologiche-2

Le isole ecologiche

La sistemazione è stata decisa tenuto conto sia del numero dei residenti che degli spazi a disposizione, nel corso di una serie di tavoli tecnici che si sono svolti a Palazzo di città. Nella frazione di Tuturano, la prima a essere indicata nell’elenco stabilito dal Comune di Brindisi, sarà posizionata in via Boito e sarà fissa. Fisse saranno anche le isole ecologiche destinate ai rioni Sant’Elia, in piazzale Dal Bono; Commenda, in viale Commenda; Paradiso in via Benedetto Croce, angolo con via della Torretta; Bozzano, in via Ungheria, e nel rione Perrino, in viale Arno, in prossima della stazione per gli autobus.

Quattro isole, invece, saranno mobili e saranno posizionate inizialmente in via Spalato, per essere al servizio della zona del Centro; nel rione Casale, in via Magaldi; nel quartiere Sant’Elia, in piazza Raffaello, e nel rione Santa Chiara, in viale Togliatti. Lo spostamento dovrebbe avvenire ogni sei mesi.

Le decorazioni e le telecamere

Tutte, come anticipato da BrindisiReport il 5 dicembre scorso, saranno decorate per ridurre al minimo l’impatto visivo. L’Amministrazione ha chiesto alla ditta che si aggiudicata la fornitura, la Id&A srl di Brescia, si prevedere immagini che siano espressione del territorio, dal mare agli uliveti.

Tutte saranno struttura in modo tale da “consentire la collocazione temporanea di cinque carrellati da 1.100 litri, uno per la carta, uno per il vetro e il metallo, uno per la plastica, uno per il secco residuo e uno per l’organico”. Ci sarà anche un contenitore destinato alla raccolta dell’olio vegetale esausto.

Nello stock chiesto dal Comune sono previsti tre distributori automatici di sacchi in rotoli e dieci telecamere complete di router locale, destinare alla videosorveglianza delle eco-isole. Il costo complessivo ammonta a 551.560 euro.

La tessera sanitaria

“I cittadini potranno accedere l’auto delle isole ecologiche identificandosi attraverso l’inserimento della tessera sanitaria”, spiegano dalla sede dell’ufficio Ambiente ed Ecologia di Palazzo di città. In tal modo si aprirà lo sportello automatizzato per il conferimento dei rifiuti.

“La conduzione delle isole sarà affidata al gestore incaricato del servizio di raccolta e spazzamento dei rifiuti solidi urbani, sia per quanto riguarda la pulizia, che il controllo dei livelli dei rifiuti e lo svuotamento dei carrellati interni, nonché per il supporto all’utenza”, spiegano dal Comune. Per questo motivo, la determina firmata dal dirigente del settore, Francesco Corvace, è stata già trasmessa alla società Ecotecnica, titolare dell’appalto dopo la gara indetta dall’Ente per la durata di due anni.

Quanto alla messa in esercizio, l’Amministrazione spera di avviare questo nuovo sistema già dal prossimo mese di gennaio, allo scopo di potenziare la percentuale della raccolta differenziata in città, per arrivare al 65 per cento. Ad oggi la percentuale media è pari al 50 per cento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Attentato a Brindisi: bomba devasta l'ingresso di un bar in viale Commenda

  • Lite in un locale: un uomo ferito al collo con un bicchiere rotto

  • Inseguimento si conclude con scontro frontale: un arresto

  • Incidente sulla superstrada, auto contro alberi: grave un giovane

  • Esplosi colpi di arma da fuoco nel centro abitato: si indaga

  • Scu e gioco d'azzardo: arresti e sequestri sull'asse Lecce-Brindisi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento