Educatrici asilo nido, a Brindisi tre assunzioni dopo il bando

Erano candidate in 22, ammesse in cinque dopo il concorso per titoli ed esami approvato dalla Giunta ad agosto 2018. Periodo di prova di sei mesi

BRINDISI – Tre nuove educatrici di asilo nido a Brindisi, a distanza di quasi un anno dal bando per la selezione dei profili professionali, per titoli ed esami, al quale hanno presentato domanda in 22. Firma del contratto prevista per oggi e stipendio conseguente all’immissione in ruolo pari a 20.344,07 euro, ripartiti per 12 mensilità.

Le assunzioni

Le candidate vincitrici, diventate le nuove educatrici di asili nido, sono: Anna Norandini, Donata Monetti e Angela Rosa Spina. Si sono classificate ai primi tre posti. Maria Dolores Miccoli è risultata idonea, ma non vincitrice essendosi classificata al quarto posto dopo la valutazione di titoli e delle prove d’esame.

Stando a quanto risulta dai verbali approvati dai componenti della commissione esaminatrice, Norandini ha totalizzato 80,2 punti, risultato della sommatoria della valutazione titoli, 27,2; della prova scritta, 26, e di quella orale, 27. Al secondo posto in graduatoria, Monetti, con il totale di 79,5; 27,5 per i titoli, 26 per la prova scritta e 26 per quella orale. Infine Spina con 64,4, dopo aver ottenuto 17,4 per i titoli, 23 per la prova scritta e 24 per quella orale. Quanto a Miccoli, il totale conseguito è pari a 58,4, partendo da 16,4 della valutazione titoli, più 21 della prova scritta e 21 di quella orale.

La commissione

La commissione è stata composta da: Nicola Zizzi, in qualità di presidente; Valeria Rossini, Vito Villani componenti; Celeste Palma Cristal, componente aggiunto per la valutazione della conoscenza della lingua inglese; Vincenzo Marchetti per le conoscenze informatiche e Giuseppe Conforto, segretario verbalizzante.

La commissione, tenuto conto dei requisiti previsti nel bando, ha ammesso alle prove solo cinque delle 22 candidate: in 17 sono state escluse perché “non avevano maturato tre anni di servizio, nell’ultimo quinquennio, con contratto di lavoro subordinato, presso la stessa Amministrazione”. Requisito previsto dalle disposizioni di legge in materia che però alimentò polemiche tra alcuni consiglieri espressione di forze politiche di opposizione, secondo i quali in tal modo si restringeva la potenziale platea di partecipanti.

Il contratto

Il rapporto di lavoro con il Comune di Brindisi ha decorrenza a far data dal 9 settembre 2019. Il periodo di prova è di sei mesi. “L’inquadramento giuridico ed economico avviene nella categoria “C”, posizione economica C1, con profilo professionale di Educatore Asilo Nido”, si legge nella bozza di contratto.

 “Il livello stipendiale iniziale è fissato nella misura tabellare di  20.344,07 euro, ripartita per 12 mensilità, alla quale si aggiunge il rateo della tredicesima mensilità, oltre accessori come per legge”. Le assunzioni furono deliberate dalla Giunta il primo agosto dello scorso anno, il bando venne deciso il 9 ottobre per essere pubblicato il 6 novembre.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpi di pistola alla testa: brindisino ucciso sotto casa a 19 anni

  • Camion si ribalta e sfonda spartitraffico: superstrada riaperta al traffico

  • Professore in pensione trovato morto in casa, il corpo era in decomposizione

  • "Samara Challenge": a San Pietro si chiede l'intervento delle forze dell'ordine

  • Ucciso a 19 anni: si indaga sul movente. Il papà: "Perché tanta cattiveria"

  • Vivere e morire nel ghetto. L'altra faccia dell'emergenza giovanile

Torna su
BrindisiReport è in caricamento