Perde il portafoglio nel vagone, glielo recupera il capotreno

E' accaduto ieri su un convoglio delle Ferrovie del Sud-Est, dopo la fermata alla stazione di Erchie-Torre

ERCHIE – Ci aveva già messo una croce sopra, al proprio portafoglio, un viaggiatore che era appena sceso da un convoglio della Sud-Est alla stazione di Erchie-Torre Santa Susanna accorgendosi di averlo smarrito. Ma il capotreno aveva lo aveva già trovato e messo al sicuro, ed ha anche provveduto ad una rapida restituzione al proprietario. All’interno c’erano 50 euro, carte di credito, chiavi, effetti personali e alcuni documenti.

È successo ieri sabato 7 settembre, Durante il passaggio del treno 90734, partito da Lecce alle ore 16,55 e diretto a Martina Franca, il dipendente delle Ferrovie del Sud Est (Gruppo Ferrovie dello Stato) ha notato il portafoglio su un sedile, mentre, come da prassi, stava facendo un giro di controllo del convoglio. A Lecce, a fine turno, avrebbe dovuto consegnarlo agli uffici della Polizia Ferroviaria che però sarebbero stati chiusi.

Il capotreno, dopo aver avvisato la propria sala operativa, ha deciso pertanto di tenerlo con sé, mettendosi subito all'opera per rintracciare il proprietario: ha controllato i documenti, trovando anche il numero di cellulare. Alla stazione successiva, quella di Manduria, il legittimo proprietario - rintracciato in pochi minuti e subito avvisato - è potuto ritornare in possesso di tutto, fra lo stupore generale. Un esempio di etica professionale e di spirito di servizio.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpi di pistola alla testa: brindisino ucciso sotto casa a 19 anni

  • Camion si ribalta e sfonda spartitraffico: superstrada riaperta al traffico

  • Professore in pensione trovato morto in casa, il corpo era in decomposizione

  • "Samara Challenge": a San Pietro si chiede l'intervento delle forze dell'ordine

  • Ucciso a 19 anni: si indaga sul movente. Il papà: "Perché tanta cattiveria"

  • Vivere e morire nel ghetto. L'altra faccia dell'emergenza giovanile

Torna su
BrindisiReport è in caricamento