Carovigno. La regione stanzia 250 mila euro per il depuratore di Bufalaria

Fabiano Amati, presidente della commissione regionale bilancio: "Si chiude il cerchio del mio impegno per la depurazione nel Comune"

CAROVIGNO - La Regione Puglia ha erogato al Comune di Carovigno un contributo straordinario, pari a 250 mila euro, per i maggiori costi sostenuti nel procedimento di realizzazione del depuratore consortile, a lungo contrastato e da qualche anno in esercizio. "Si tratta di un importante aiuto alle casse comunali, in applicazione di una norma da me proposta in sede di assestamento e variazione al bilancio 2019", afferma Fabiano Amati, consigliere regionale e presidente della commissione regionale bilancio “Il contributo assegnato - continua - aiuta il Comune a ridurre i rischi di dissesto per i maggiori oneri determinati dalla soccombenza in un procedimento giudiziario nato sull’annosa questione del depuratore. Risolvere il problema della fogna e della depurazione di Carovigno è stato uno dei miei maggiori impegni da assessore regionale ai lavori pubblici. Una carenza protrattasi per tanti anni, frutto di inerzie e di mille irragionevoli proteste, con l’unica conseguenza di tenere in uno stato igienico precario i comuni di Carovigno, San Vito dei Normanni e San Michele Salentino".

Fabiano Amati

"Abbiamo superato decine di difficoltà operative - spiega Amati - molte delle quali sorte per un irragionevole paradosso ecologista: ritenere fonte d’inquinamento un impianto tecnologico, com’è un depuratore, la cui unica funzione consiste, invece, nel mettere fine all’inquinamento del suolo e della falda. Il contributo economico regionale, dunque, chiude il cerchio del mio impegno per la depurazione, cioè per l’igiene, la salute e la civiltà, nel Comune di Carovigno, evitando di far pagare con il rischio dissesto le conseguenze abnormi create nel procedimento di realizzazione del depuratore. Infine, desta soddisfazione constatare che il dirigente regionale che ha firmato la liquidazione delle somme in favore del Comune, Andrea Zotti, è lo stesso che con determinazione eseguì il mio indirizzo politico di avviare all’esercizio, e senza tentennamenti, l’impianto di depurazione, e che per questo subì pure qualche procedimento penale, dichiarato infondato con sentenza di assoluzione resa nei suoi confronti e di altri valorosi dirigenti regionali e di Aqp”.

I ringraziamenti del sindaco Massimo Lanzillotti

"La trentennale questione del depuratore a Carovigno è stato il primo problema che abbiamo dovuto affrontare nel giugno 2018, appena proclamato sindaco - ha dichiarato il primo cittadino, Massimo Lanzillotti - . Il contributo regionale di 250 mila euro ci darà una forte mano per chiudere definitivamente il contenzioso e non portare il nostro Comune verso il dissesto finanziario. Un ringraziamento particolare al consigliere regionale Fabiano Amati per l'impegno e la grande attenzione verso questa vicenda e il territorio di Carovigno".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brindisi, ospedale Perrino: turista lombardo positivo al Covid-19

  • Furgone si ribalta sull'autostrada: brindisino muore in Veneto

  • Spari contro il balcone di un'abitazione: feriti marito e moglie

  • Giovane malmenata in strada: carabiniere fuori servizio blocca fidanzato violento

  • Notte movimentata: rissa tra giovani e spari contro un'auto

  • Brindisi: i carabinieri scoprono undici furbetti del reddito di cittadinanza

Torna su
BrindisiReport è in caricamento