Anche a Cellino San Marco nasce il gruppo delle Partite Iva

Ieri, martedì 4 febbraio, 60 persone tra artigiani, commercianti e liberi professionisti si sono riunite per discutere e trovare possibili soluzioni

CELLINO SAN MARCO – Dopo la manifestazione delle Partite Iva a Roma del 22 gennaio scorso dove hanno partecipato anche 28 Partite Iva di Cellino San Marco, ieri, martedì 4 febbraio, 60 persone tra artigiani, commercianti e liberi professionisti si sono riunite per discutere e trovare possibili soluzioni a livello locale per far tornare viva l'economia di Cellino San Marco.

“Si è parlato inoltre e soprattutto di come procedere per aggregarsi ad altri gruppi di Partite Iva nazionali e far capire allo Stato che la pressione fiscale è diventata ormai soffocante per tutte le Partite Iva, in maniera indistinta, e che la burocrazia, invece di essere più semplice, diventa sempre più complessa”. Scrive uno dei promotori dell’iniziativa sulla pagina Facebook “U.Pic Cellino San Marco” (Unione partite Iva cellinesi), Giampiero Milano. 

“Pochi, brevi e chiari gli interventi, come quello del dott. Alessandro Calisi, presidente dei Giovani imprenditori di Confindustria Brindisi e nostro compaesano, che ha ribadito e rafforzato l'idea di Upic sulla necessità di fare unione tra imprenditori cellinesi. Chiaro e semplice anche l'intervento del dottore commercialista Roberto Martina che ha esposto e riassunto in maniera semplice le varie problematiche a cui vanno incontro giornalmente le partite iva in Italia”.

“Ora, tutti dobbiamo continuare su questa strada, rimanere uniti ed estendere l'invito a tutti i possessori di Partite Iva che ieri, per vari motivi, non hanno potuto partecipare all'incontro”.

A Cellino San Marco sono 599 le Partite Iva registrate, lo scopo di questo nuovo gruppo, nato da un’idea di Giampiero Milano, Saverio Nestola, Davide Giovane, Alfonso Penna, Andrea Zimbari, Viviana Tafuro e Pierpaolo Consalvo, è di formare un unico grande gruppo e fare rete con Comuni limitrofi del Brindisino, San Pietro Vernotico e San Donaci. “Fare rete ed essere uniti è l’unico modo per far sentire la nostra voce”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lavori agricoli, arriva il sì dalla Regione: "attività indifferibili"

  • Addio a Nanuccio il pescatore: da 12 giorni attendeva l'esito del tampone

  • Paziente muore in ambulanza. Sgomberata Pneumologia

  • Scu, si è suicidato il pentito Sandro Campana: accusò il fratello Francesco

  • "Primo operatore 118 positivo, ora screening urgente per tutti"

  • Muore un imprenditore edile: prima vittima del Covid a Ostuni

Torna su
BrindisiReport è in caricamento