Altri pirati della "monnezza" immortalati dalle fototrappole

Sale a 32 in sole tre settimane il numero dei brindisini individuati e multati per abbandono di rifiuti. Alcuni sono recidivi

BRINDISI - Prosegue l’attività di monitoraggio attraverso le foto trappole collocate in città. Il personale della Polizia locale ha visionato i filmati delle prime tre settimane di attivazione del servizio individuando coloro che abbandonano rifiuti creando discariche abusive. Sale a 32 il numero dei brindisini individuati dal sistema di videosorveglianza. Nella prima settimana ci sono state 9 sanzioni, 8 nella seconda e 15 nella terza. In alcuni casi si tratta anche di recidivi e plurirecidivi, fanno sapere dal Comune.

foto trappola1-2

“Questa attività repressiva si rende necessaria per due importanti obiettivi che vogliamo conseguire. Da un lato meritiamo tutti una città più pulita, dall’altro è necessario ribadire che questi abbandoni indiscriminati incidono in maniera significativa e negativa sul dato complessivo della raccolta differenziata. Per queste ragioni continueremo a vigilare, grazie alla collaborazione della Polizia locale, e quando necessario a multare”, dichiara l’assessore alle Politiche ambientali Roberta Lopalco.

Potrebbe interessarti

  • Dopo Ferragosto, in forma con la dieta detox

  • Potassio, usi e benefici: perché assumerlo e gli alimenti che lo contengono

  • Falsi amici: gli alimenti che mangi per dimagrire, invece fanno ingrassare

  • Topi, sporcizia e inciviltà: il parco del Cillarese sprofonda nel degrado

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla superstrada: camionista travolto e ucciso da un'auto

  • "Hanno aiutato il nostro bimbo, aiutateci a rintracciarli e ringraziarli"

  • Pulmino si schianta contro un albero: feriti sette braccianti, due sono gravi

  • Locali e attrezzature sporchi e ragnatele sulle pareti: chiuso panificio

  • Incidente al solito incrocio tra le provinciali: coinvolti due auto e un camion

  • Auto si ribalta sulla superstrada: illesi tre giovani brindisini

Torna su
BrindisiReport è in caricamento