“Mi cibo da mani libere”, dibattito pubblico su alimentazione sana

Si terrà nel pomeriggio di giovedì 13 giugno, dalle 17.30, nell’atrio del Castello Imperiali

FRANCAVILLA FONTANA - Si terrà nel pomeriggio di giovedì 13 giugno, dalle 17.30, nell’atrio del Castello Imperiali di Francavilla Fontana il prossimo appuntamento  del Programma regionale  “Mi cibo da mani libere, anziani per un’alimentazione etica e sana”, organizzato dallo Spi Cgil di Brindisi.

Sarà l’occasione per un dibattito pubblico su alimenti essenziali della dieta mediterranea come olio latte e grano, che non dovrebbero mancare in una alimentazione equilibrata, utile per mantenersi in buona salute a qualsiasi età. Alimenti che, in molte zone della Puglia, sono prodotti in  aziende agricole e zootecniche locali con una vendita a “chilometro zero”, il modo più diretto per conoscere e salvaguardare qualità e tradizione, nel rispetto delle regole di una produzione sana e sostenibile.

L’incontro  sarà aperto dai saluti della segretaria generale Spi Cgil di Brindisi Michela Almiento e del presidente dell’Auser di Francavilla Fontana Angelo Lupo.  Al dibattito, coordinato dal giornalista di Studio 100 Filippo Melillo, parteciperanno il sindaco di Francavilla Fontana Antonello Denuzzo, la biologa Monica Ciracì, Il segretario generale della CGIL di Brindisi Antonio Macchia e il segretario regionale dello Spi Cgil Puglia Michele Tassiello. 

La serata proseguirà con il monologo comico dell’attrice Daniela Baldassarra “Il cibo e/è la nostra vita” e con la musica e i balli del gruppo “Addù sciamu sciamu”. Sarà inoltre possibile apprezzare l’esposizione di manufatti artigianali a cura dell’Auser cittadino e  la degustazione di prodotti locali. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpi di pistola alla testa: brindisino ucciso sotto casa a 19 anni

  • Camion si ribalta e sfonda spartitraffico: superstrada riaperta al traffico

  • Professore in pensione trovato morto in casa, il corpo era in decomposizione

  • "Samara Challenge": a San Pietro si chiede l'intervento delle forze dell'ordine

  • Ucciso a 19 anni: si indaga sul movente. Il papà: "Perché tanta cattiveria"

  • Vivere e morire nel ghetto. L'altra faccia dell'emergenza giovanile

Torna su
BrindisiReport è in caricamento