Morta la mamma di Albano Carrisi, la sua "origine del mondo"

Jolanda Ottino si è spenta a Cellino San Marco, dove ha sempre vissuto. L'1 gennaio prossimo avrebbe compiuto 97 anni

CELLINO SAN MARCO – L'Uno gennaio prossimo avrebbe compiuto 97 anni. Nel tardo pomeriggio di oggi, martedì 10 dicembre, è deceduta Jolanda Ottino, la mamma del noto cantautore Albano Carrisi e di Franco Carrisi, imprenditore ed ex personaggio televisivo. L’amata mamma di Al Bano si è spenta a Cellino San Marco, dove ha sempre vissuto. Da quanto si apprende, da qualche tempo le sue condizioni di salute si erano aggravate tanto da costringerla a letto.

Proprio a giugno dello scorso anno il cantautore cellinese le aveva dedicato un docu-film, “Madre mia” (tratto dal libro "Madre mia. L'origine del mio mondo, prima uscita 2017) che racconta la sua famiglia e il paese attraverso i suoi occhi, “Perché è lei, Jolanda Ottino in Carrisi, l’origine del mio mondo” ha commentato Al Bano in un’intervista. La notizia della sua morte in pochi minuti ha fatto il giro del suo paese d’origine, dove era molto amata e stimata.

La signora Ottino, conosciuta come donna forte e umile, non aveva mai superato il dolore per la scomparsa, ancora avvolta da mistero, dell'amata nipote Ylenia, ed era molto legata alla nuora Romina Power, che era volata a Cellino nel gennaio scorso per il compleanno della suocera. 

I funerali 

La camera ardente è stata allestita nella chiesetta presentente nella tenuta di Albano. Domani alle 16, presso la chiesa di San Marco e Santa Caterina, in piazza, si svolgeranno i funerali dove il feretro giungerà partendo dalle tenute. Albano si trova a Ginevra e dovrebbe giungere a Cellino San Marco nella mattinata di mercoledì. 

Dalle 19 di martedì le tenute Albano Carrisi sono presidiate dai volontari della Protezione civile, carabinieri e guardie particolari giurate per gestire l'enorme flusso di gente che sta facendo visita alla famiglia Carrisi per porre l'ultimo saluto a "donna Jolanda". Un'intera comunità si è stretta intorno al dolore del cantautore, di Franco, dei nipoti e parenti della donna. Sono vietate riprese in chiesa. 

Dalle 13 di mercoledì 11 dicembre sarà chiusa al transito via Vittorio Emanuele da intersezione con via Pascoli, dalle ore 14 sarà chiusa al transito via Vittorio Emanuele da intersezione con Via Roma. Il corteo funebre partirà dalla Chiesetta delle Tenute Carrisi. 

manifesto iolanda ottino-3

Il dolore dei familiari

Marco Carrisi, figlio di Franco, ha affidato a Facebook l’ultimo saluto, attraverso la pagina “Casa vinicola Marco Carrisi” dove ha pubblicato una foto che lo ritrae insieme alla nonna e ai figli: “Ti vogliamo ricordare così cara nonna Jolanda, riposa in pace! Sarai nostro esempio di coraggio e amore. Buon viaggio! Riposa in pace”. 

Questo, invece, il messaggio di Yari, figlio di Al Bano: "Grazie Nonna, sei stata una donna fenomenale. Ci facevi da genitore quando i miei viaggiavano e noi andavamo a scuola. Ti sei sempre presa cura di tutti, hai vissuto per la gente che amavi. E così facendo sei diventata la nonna adottiva di tutta Italia. Hai vissuto una vita piena di cambiamenti nell’era umana più sconvolgente e i tuoi piedi sono rimasti sempre per terra".

Anche Romina Power ha dedicato in pensiero alla suocera attraverso Instagram: "Mamma Yolanda, mi hai accolta come una figlia ed io te ne sarò eternamente grata. Vivrai per sempre nel mio cuore", il testo accompagna una foto in cui le due donne si abbracciano affettuosamente. 

Articolo aggiornato alle 12.50 di mercoledì 11 docembre (disposizioni per il funerale)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giallo di Ceglie: i due rumeni si sarebbero uccisi a vicenda

  • Attentato a Brindisi: bomba devasta l'ingresso di un bar in viale Commenda

  • Incidente sulla circonvallazione: giovane motociclista in ospedale

  • Inseguimento si conclude con scontro frontale: un arresto

  • Grave aggressione contro operatori del 118: danneggiata un'ambulanza

  • Incidente sulla superstrada, auto contro alberi: grave un giovane

Torna su
BrindisiReport è in caricamento