Vice ministra agli Affari esteri in visita al polo Nazioni Unite di Brindisi

Emanuela Del Re: "Il deposito incarna lo spirito di solidarietà della comunità locale, rappresentando opportunità per lo sviluppo"

Foto di Antonio Tedesco

La vice ministra agli Affari Esteri e alla Cooperazione Internazionale, Emanuela Del Re, ha effettuato una visita al polo delle Nazioni Unite di Brindisi. La visita è cominciata alla Base di pronto intervento umanitario delle Nazioni Unite (UNHRD) uno strumento di logistica del World Food Programme (WFP) che fa parte di una rete internazionale che consente ai propri partner – attualmente 88 enti tra Governi, organismi internazionali ed organizzazioni della società civile - di “pre-posizionare” i propri beni umanitari nei depositi e di rispondere in modo rapido ed efficace alle emergenze umanitarie.

visita ministra esterno-2

La vice ministra ha confermato l’impegno italiano a contribuire alle risposte umanitarie e di emergenza nelle aree di crisi. “Il deposito di Brindisi incarna lo spirito di solidarietà della comunità locale che ne ospita le strutture, rappresentando altresì una ulteriore opportunità per lo sviluppo economico della stessa comunità”, ha detto Del Re nel corso della visita (foto di Antonio Tedesco).

visita vice ministra ter-2

Del Re si è successivamente recata alla base logistica del Global Service Centre (GCS) delle Nazioni Unite. Il Centro, che occupa un’area di circa 370mila metri quadrati e 65 edifici messi a disposizione dal Ministero della Difesa, fornisce sostegno logistico a tutte le operazioni (militari e civili) delle Nazioni Unite, incluso nei settori dell’informatica e delle telecomunicazioni e della gestione dell’impatto ambientale delle operazioni Onu. (foto Luca Nestola)

visita cice ministra bis-2

La vice ministra ha espresso l’orgoglio dell’Italia per ospitare il Gsc a Brindisi, “uno snodo fondamentale per funzioni di alto valore aggiunto a sostegno delle operazioni di pace e un centro di eccellenza nel sistema delle Nazioni Unite”, ha detto. “L’Italia continuerà a fornire al Gsc  tutta l’assistenza necessaria perché possa incrementare le sue attività e funzioni”. (foto Luca Nestola) A conclusione della giornata, ha avuto un incontro con il sindaco e il prefetto di Brindisi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una domenica con la bomba: quasi tutta Brindisi evacuata

  • Malore alla guida: autista accosta e poi si accascia, in salvo gli studenti

  • Maltempo: scuole chiuse a Brindisi a in altri Comuni della provincia

  • Incidenti: le vittime e le strade più pericolose del Brindisino

  • Forti raffiche di vento: alberi sradicati, interventi in provincia

  • Nuova allerta arancione per lo scirocco nella giornata di mercoledì

Torna su
BrindisiReport è in caricamento