Neve: il sindaco ringrazia chi ha contribuito al successo del piano operativo

Istituzioni cittadine, Forze dell’ordine, enti di Protezione Civile e imprese private hanno operato assieme per contenere i disagi

OSTUNI - Si è conclusa senza disagi l’ondata di gelo che ha ricoperto Ostuni e i centri limitrofi di una spessa coltre di neve. Istituzioni cittadine, Forze dell’ordine, enti di Protezione Civile e imprese private hanno operato assieme per contenere i disagi dovuti alle copiose precipitazioni verificatesi lungo tutta la giornata di venerdì 4 gennaio, arginando ogni possibile rischio legato soprattutto alla percorribilità delle strade cittadine e periferiche. Dopo aver sottoscritto l’ordinanza per la chiusura di scuole e uffici pubblici, nonché disposto l’allestimento del Coc (Centro operativo comunale), il sindaco Gianfranco Coppola ha coordinato, in stretta sinergia con gli uffici di Protezione Civile e Servizi Sociali del Comune di Ostuni, gli interventi di pulizia delle strade e il trasporto delle persone in stato di degenza presso i rispettivi presidi di cura.

«Nel giro di poche ore, seguendo l’andamento dei bollettini emessi dalla Protezione Civile regionale e le previsioni meteorologiche – ha dichiarato il sindaco Coppola – siamo riusciti a pianificare tutti gli interventi necessari a mettere in sicurezza non solo le strade urbane, ma anche quelle rurali. In quasi cinque anni da sindaco, ho dovuto gestire più di qualche emergenza, legata alle precipitazioni nevose, ma anche ai nubifragi, su tutti quello del 10 settembre del 2016, pertanto ritengo che l’organizzazione di quest’ultimo piano operativo per la gestione e il contenimento dei rischi per la pubblica incolumità, sia stato eseguito alla perfezione. Nell’affermare ciò, sento il dovere di porgere i miei sentiti ringraziamenti a tutti coloro che hanno collaborato per garantire maggiore sicurezza alla cittadinanza e a chi nei giorni scorsi è stato nostro ospite.

Ostuni Neve-2

Ci siamo organizzati a tempo debito, attivando tutti i mezzi in possesso della Protezione Civile comunale e presenti sul territorio, per intervenire sulle strade principali delle contrade di Galante, Mezzoprete e San Salvatore, dove risiede una buona parte della comunità ostunese. Ringrazio quindi l’ingegnere Roberto Melpignano, dirigente dell’ufficio di Protezione Civile del Comune di Ostuni, le unità locali di Protezione Civile come l’Era, il Se, la Croce Rossa e le ditte Schiavone, Cazzorla e Puppi che hanno concorso, con ruspe e mezzi spargisale di loro proprietà, a liberare le strade da neve e ghiaccio. Sono state rese costantemente accessibili tutte le vie d’ingresso alla Città bianca e anche la ripida strada dei colli a servizio delle strutture assistenziali del Villaggio Sos e de La Nostra Famiglia. Sacchi di sale e attrezzi sono stati consegnati al Pronto Soccorso per rendere più agevole all’utenza l’accesso ai servizi della struttura sanitaria. Infine, dato il protrarsi dell’abbassamento delle temperature, all’interno di tutte le scuole di competenza comunale è stato fatto accendere in anticipo l’impianto di riscaldamento, in modo che questa mattina, al rientro dalle vacanze natalizie, gli ambienti fossero climaticamente accoglienti. Stiamo cercando di capire a tal proposito, come mai nelle scuole “O. Barnaba” e “San Carlo Borromeo” non siano state rispettate le disposizioni diramate venerdì scorso.

Ringrazio infine gli operatori ecologici dell’Ati Gial Plast/Bianco Igiene, che hanno garantito nei limiti del possibile lo svolgimento del servizio di raccolta porta a porta. Chiudo, dicendo che il supporto di enti terzi è assolutamente apprezzabile, ma sarebbe utile per gli Enti locali avere a disposizione mezzi e addetti propri, al fine di poter pianificare autonomamente e con maggiore tempestività, tutti gli interventi che si ritengono opportuni in casi di criticità».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion si ribalta e sfonda spartitraffico: superstrada riaperta al traffico

  • Professore in pensione trovato morto in casa, il corpo era in decomposizione

  • Ucciso a 19 anni: si indaga sul movente. Il papà: "Perché tanta cattiveria"

  • Tute, scooter e passamontagna: i "Falchi" scoprono il covo dei rapinatori

  • Tamponamento tra furgone e trattore sulla provinciale: feriti i conducenti

  • “Aste giudiziarie, prove evidenti”: processo immediato per nove brindisini

Torna su
BrindisiReport è in caricamento