Come ti distruggo la duna con auto e trattori, anno dopo anno

Nuova denuncia della sezione del Partito comunista di Carovigno sulla situazione della spiaggia di Mezzaluna, a Santa Sabina. Il satellite conferma una condizione grave

SANTA SABINA (Carovigno) – “Oltre a quella storica che costeggia il mare, sulle dune di Mezzaluna ci sono un tripudio di strade, tra rotonde, strade carrozzabili e tratturi pedonali, almeno una decina”, e hanno preso il posto della macchia mediterranea, dei “cuscini di timo, quello comune di colore viola e quello molto raro di colore bianco”.

Amara ironia quella di Tonino Mosaico, esponente regionale del Partito comunista, che aggiunge “quale che sia la destinazione che si vuole dare all’Oasi di Mezzaluna non è chiara, se non si interviene a bloccare il degrado crescente degli ultimi anni rischiamo di trovarci un territorio che può fare la fine del canalone (lama, ndr) di Carisciola”.

Dune della Mezzaluna a Santa Sabina, la situazione attuale-3

“Il nostro compito non è quello di sdegnarci a danno già fatto, ma prevenire e lavorare per una coscienza collettiva del rispetto degli spazi pubblici riconoscendo al sito la valenza ambientale. A Mezzaluna, tra reperti storici, grotte, dune e macchia mediterranea – sottolinea Mosaico -  c’è storia millenaria che non può essere distrutta da trattori per qualsiasi uso lavorativo o da Suv che stazionano la notte sul punto più alto delle dune per ammirare il mare in momenti romantici”.

santa sabina - carovigno - duna fossile spiaggia mezzaluna (11)-2

“Più volte la sezione di Carovigno del Partito Comunista, attraverso comunicati stampa e incontri programmati con cittadini e istituzioni, alla presenza di organi di informazione, carta stampata e tv, ha posto il problema della valorizzazione dell’area. Ad anni di distanza, non si è ancora arrivati alla realizzazione o programmazione di progetti. Le amministrazioni comunali e le forze politiche presenti in consiglio comunale (centro, sinistra, destra e Cinque stelle) sono assenti e silenti sulle tematiche ambientali”.

santa sabina - carovigno - spiaggia mezzaluna  (8)-2

“Per una certa impostazione politica, l’ambiente – accusa Mosaico - non fa profitto ma per noi è necessario salvaguardarlo per la salute e l’ecosistema. Le alleanze politiche larghe con tutti dentro fanno vincere le elezioni ma non fanno gli interessi dei cittadini e Carovigno ne è la dimostrazione: la costa è al degrado. La gente paga la Tasi per tutto l’anno e non per tre mesi”.

La situazione del danno ecologico apportato alla grande duna fossile della spiaggia della Mezzaluna, a Santa Sabina, è molto evidente dall’immagine satellitare ravvicinata, che mostra la rete di sentieri larghi e piccoli aperti da auto e trattori, e la regressione della macchia mediterranea. Ma non c’è una legge che vieta tutto questo? C’è, eccome. Ma alla Mezzaluna è totalmente ignorata.

Potrebbe interessarti

  • L’albicocca, antico frutto della fertilità

  • Come riparare le piante dal caldo estivo e dal sole

  • Librerie fai da te: alcune idee

  • Fai da te, barbecue in muratura: come realizzarlo

I più letti della settimana

  • Accoltellamento mortale dopo furibonda lite tra consuoceri

  • Vino sofisticato: undici arresti e quattro cantine sequestrate

  • Altri temporali in arrivo, l'allerta meteo passa ad arancione sulla costa

  • Auto fuori controllo sulla provinciale: un uomo perde la vita

  • Aste giudiziarie, pressioni e minacce ai partecipanti: quattro arresti

  • Cade un ramo, tre feriti. Città, porto e aeroporto sotto la tempesta

Torna su
BrindisiReport è in caricamento