Operatori del 118 "Sequestrati in ambulanza con pazienti ad alto rischio biologico"

Riceviamo e pubblichiamo lo sfogo di un lettore sulla situazione definita “inaccettabile” che sono costretti a vivere gli operatori del 118

BRINDISI – Riceviamo e pubblichiamo lo sfogo di un lettore sulla situazione definita “inaccettabile” che sono costretti a vivere gli operatori del 118 del Brindisino a causa dell’inadeguata gestione dell’emergenza Coronavirus per quanto riguarda il triage dei casi sospettii presso l’ospedale Perrino di Brindisi.

Bisogna assolutamente non sottovalutare e quindi denunciare i rischi notevoli a cui sono sottoposti gli operatori 118 Brindisi, costretti a interminabili tempi di attesa prima di poter sbarellare pazienti sospetti o conclamati Covid-19, sequestrati in ambulanza con pazienti ad alto rischio biologico e spesso clinicamente gravi e instabili.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

È inaccettabile rimanere tante ore chiusi in ambulanza senza poter scendere per 5-8 ore o più ore, neanche per espletare i più elementari bisogni fisiologici. Bisognerebbe aumentare il numero dei medici in servizio in Pronto soccorso e destinare una parte di essi esclusivamente ai percorsi Covid dedicati. Ci risulta, invece, che a turno ci siano solo 2 medici in Pronto soccorso al Perrino che si dividono tra codici rossi, gialli e aree Covid-19. Inaccettabile. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbarco in piena pandemia: decine di migranti rintracciati a Cerano

  • Altri 23 casi in provincia di Brindisi: il bilancio sale a quota 148

  • Addio a Nanuccio il pescatore: da 12 giorni attendeva l'esito del tampone

  • Tre nuovi contagiati nel Brindisino e sei persone decedute

  • Azzeramento dei contagi in Puglia: le proiezioni di un centro di ricerca

  • Scu, si è suicidato il pentito Sandro Campana: accusò il fratello Francesco

Torna su
BrindisiReport è in caricamento