Pendolari dell'Esercito: "Noi, penalizzati da tariffe e pullman"

Incontro tra il Consiglio di rappresentanza e la Commissione regionale trasporti: "Sconti come per le forze dell'ordine e mezzi moderni"

Tutti i reparti e i servizi logistici e sanitari dell’Esercito presenti in Puglia sono concentrati tra Bari e Foggia, fatta eccezione per la Scuola mezzi corazzati di Lecce e il poligono di Torre Veneri. E molti dei militari che vi prestano servizio sono pendolari. Un grosso problema quotidiano, raggiungere il proprio reparto, se il mezzo di trasporto pubblico utilizzato non è adeguato, e se non si gode di adeguate riduzioni tariffarie. Il problema è stato prospettato stamani da una delegazione del Consiglio intermedio di rappresentanza dell’Esercito del Comando forze operative Sud, alla Commissione regionale trasporti.

Il personale delle forze armate e delle forze di polizia militari non può organizzarsi in sindacati, come invece quello della Polizia di Stato, della Polizia penitenziaria e dei Vigili del Fuoco, quindi affida le proprie richieste ai consigli di rappresentanza. Ed è stato il presidente della Commissione trasporti, Mauro Vizzino, ad ascoltare i problemi prospettati dai delegati dell’Esercito, i quali chiedono pullman più adeguati alle tratte di lunga percorrenza e le stesse agevolazioni tariffarie riconosciute alle forze dell’ordine.

In questo caso la società di trasporto pubblico chiamata in causa è Ferrovie del Sud Est, che serve le linee utilizzate dal personale dell’Esercito residente nelle province di Brindisi e Taranto, ma in servizio nell’area metropolitana di Bari, cui chiedere mezzi di trasporto più moderni. Riguardo il costo degli abbonamenti, è stato evidenziato come in che altre regioni come Lombardia, Piemonte, Emilia-Romagna e Campania siano state attivate convenzioni con le società di trasporto pubblico locale per garantire sconti.

Ciò perché, è stato ancora rilevato nel corso dell’incontro, il personale delle forze armate, ugualmente preparato e addestrato, è tenuto ad assicurare le stesse funzioni di pubblica sicurezza svolte dagli uomini delle forze dell’ordine. In Puglia, invece, c’è una disparità di trattamento in quanto è previsto uno sconto del 60% sul costo dell’abbonamento solo per le forze dell’ordine, e non per gli appartenenti all’Esercito, all’Aeronautica e alla Marina.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il presidente della Commissione trasporti si è impegnato “a portare quanto prima all’attenzione della commissione le problematiche segnalate, comunque di competenza dell’Assessorato ai Trasporti sia per il reperimento delle risorse finanziarie necessarie che per far valere la responsabilità delle società di trasporto sull’adeguatezza dei mezzi utilizzati”.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Brindisi usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova vita per le auto rubate: arrestate dodici persone

  • Hai un geco in casa e vuoi liberartene? Ecco le soluzioni

  • Altri sei contagi e due morti nel Brindisino. Dati in calo nel resto della Puglia

  • Su 9 nuovi casi in Puglia, sette sono della provincia di Brindisi

  • Movida blindata a Brindisi: le forze dell'ordine sciolgono gli assembramenti

  • Benzinai rapinati all'alba: in azione banditi armati di pistola e accetta

Torna su
BrindisiReport è in caricamento