In pensione l'ispettore Cosimo Pizza, pilastro della squadra Mobile

Ha servito la polizia di Stato per 40 anni. Non si contano gli arresti effettuati grazie al suo fiuto investigativo

BRINDISI – Dopo 40 anni di servizio, è arrivato il giorno del pensionamento per l’ispettore superiore Cosimo Pizza, pilastro della squadra Mobile della questura di Brindisi. I colleghi hanno celebrato l’evento con una festa che si è svolta stamani in questura. Emozionatissimo il diretto interessato, che a 60 anni appende la divisa, dopo una vita al servizio della Polizia di Stato.

Pensione ispettore Cosimo Pizza 2-2

Nel 1979 Pizza ha prestato servizio nel Corpo nazionale dei vigili del fuoco. Successivamente ha frequentato la scuola di polizia di Alessandria, per poi iniziare la sua carriera al reparto Celere di Roma. La destinazione successiva è stata il commissariato di polizia di Paola, in provincia di Cosenza. Dopo aver partecipato a un concorso che gli ha conferito i gradi di ispettore, è stato trasferito al reparto Mobile di Napoli. Nel 1985 è tornato nella sua Brindisi e da allora non ha più cambiato sede. Dopo una parentesi fra le file della sezione Volanti, Pizza è passato alla Mobile.

Non si contano gli arresti fatti grazie al suo fiuto investigativo, figlio anche di una memoria fotografica che ne ha fatto un archivio vivente della polizia. In buona parte delle operazioni effettuate dalla Mobile negli ultimi decenni, c’è stato lo zampino dell’ispettore Pizza. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'ultimo saluto a "Donna Jolanda" tra lacrime e lunghi applausi

  • Morta la mamma di Albano Carrisi, la sua "origine del mondo"

  • Assalto armato al bar: un cliente dà l’allarme, banditi subito circondati

  • I fratelli Gargarelli di Brindisi conquistano la finale di Tu sì que vales

  • Ciao Grazia, mamma coraggiosa: borsa di studio per i suoi due bimbi

  • Bomba, sindaco firma ordinanza per evacuazione: denuncia per chi resta

Torna su
BrindisiReport è in caricamento