Volontariato e integrazione: un giovane albanese nella Protezione civile

Nella Protezione civile “Provic-Arci” di Villa Castelli arriva un volontario di nazionalità albanese. Si tratta di Hagim Hasa 18 anni

VILLA CASTELLI – Nella Protezione civile “Provic-Arci” di Villa Castelli arriva un volontario di nazionalità albanese. Si tratta di Hagim Hasa 18 anni, da un anno in Italia, ospite della cooperativa locale l’Ala che gestisce il progetto Sprar Msna minori stranieri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Grande soddisfazione per il presidente di Provic-Arci Adriano Bellanova: “È sempre stato il mio sogno quello dell’integrazione sociale di persone straniere e persone che hanno avuto piccoli problemi di giustizia. Non a caso la nostra associazione collabora con il Tribunale dei minori di Lecce. Dopo un breve colloquio avuto mesi fa con il presidente della cooperativa l’Ala, Leonardo Sarcinella, Hagim è entrato nella nostra associazione dopo un breve periodo di prova. E’ un ragazzo di una educazione unica, averlo tra noi è motivo di orgoglio. Spero che questa esperienza faccia da apripista per quanti vorranno far parte della Protezione civile. Mi corre l’obbligo ringraziare tutto lo staff della cooperativa l’Ala persone molto professionali”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova vita per le auto rubate: arrestate dodici persone

  • Hai un geco in casa e vuoi liberartene? Ecco le soluzioni

  • Altri sette casi positivi nel Brindisino sui 10 registrati in Puglia

  • Altri sei contagi e due morti nel Brindisino. Dati in calo nel resto della Puglia

  • Su 9 nuovi casi in Puglia, sette sono della provincia di Brindisi

  • Movida blindata a Brindisi: le forze dell'ordine sciolgono gli assembramenti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento