Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Brindisi: famiglie e sportivi tornano nei parchi pubblici

 

Dopo due mesi di chiusura, con l'avvio della Fase 2, i parchi Cillarese, Cesare Braico, Di Giulio e Buscicchio hanno riaperto stamattina i battento, con una serie di restrizioni. L'affluenza è stata modesta. Alcuni genitori ne hanno approfittato per far prendere una boccata d'aria ai figli. Diverse coppie, sia di amici che di coniugi, hanno fatto una passeggiata. Immancabili i runner. 

Va ricordato che il Dpcm autorizza attività motoria individuale, mantenendo sempre le distanze di sicurezza dagli altri avventori. Non tutti, però, hanno rispettato questa misura. Al Braico, ad esempio, si è visto un gruppo di sportivi che  svolgeva degli esercizi senza rispettare le distanze di sicurezza. 

Va ricordato che polmoni verdi saranno aperti dalle 8 a mezzogiorno e dalle 16 alle 20, con ingressi contingentati.  In particolare per il parco Cesare Braico, di via Appia, sarà consentito accedere a 250 persone contemporaneamente; al parco Di Giulio, di via Buozzi, a 250 persone contemporaneamente; al parco Buscicchio, di via Mantegna, a 100 persone contemporaneamente: al parco Cillarese, di via Provinciale per San Vito, a 500 persone contemporaneamente.

Come previsto dal Dpcm, sarà consentita l’attività motoria individualmente o se si accompagna un minore o un disabile. Onde evitare assembramenti, non potranno essere utilizzati i giochi per bambini e i campi da gioco. Il primo cittadino invita i cittadini a rispettare le misure di distanziamento sociale. “Ancora non siamo fuori – afferma Rossi – dall’emergenza. Ogni giorno si registrano nuovi contagi in città e in provincia”. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento