Riqualificazione paesaggi costieri: pozzanghere nelle strade appena rifatte

Alcune criticità tipiche della marina di Torre San Gennaro, a quanto pare, non sono state risolte con i lavori

TORRE SAN GENNARO – Si sta rivelando deludente (per certi versi) agli occhi di molti cittadini, specie residenti, il progetto di riqualificazione del paesaggio costiero che sta interessando le marine di Torchiarolo da Torre San Gennaro a Lendinuso. Molte opere sono state stralciate dai vari enti in sede di definizione del progetto esecutivo, quanto era stato annunciato in conferenze stampa e incontri pubblici non sarà realizzato. Questo, ormai, è assodato. Ma quel “poco”, sempre facendo riferimento al progetto iniziale, che poi poco non è e che comunque ha entusiasmato quanti dall’inizio dei lavori stanno visitando la marina per, appunto, osservare le opere e i cambiamenti, forse, quel poco, non lo si sta eseguendo a regola d’arte. E non ci vogliono ingegneri o esperti per stabilirlo e non c’è bisogno di aspettare la fine dei lavori per commentare.

pozzanghere torre san gennaro1-2

Alcune criticità tipiche della marina di Torre San Gennaro, a quanto pare, non sono state risolte con la nuova pavimentazione. Alcune strade che si affacciano sul lungomare dei pescatori, completamente rifatte per la gioia di chi ci vive e di chi le frequenta, continuano ad allagarsi con la pioggia. Il cantiere ancora non è chiuso, di conseguenza l’opera non è ancora stata collaudata ma vedere pozzanghere nelle strade appena rifatte, tra l’altro con pavimento di ultima generazione (ricavato dal riutilizzo del vecchio asfalto), lascia l’amaro in bocca. Nella maggior parte dei casi si tratta di avvallamenti già esistenti: l’acqua continua a depositarsi dove si depositava prima dei lavori. In alcuni casi davanti agli usci delle abitazioni. 

pozzanghere torre san gennaro5-2

Il progetto sta regalando un nuovo look alla marina, via delle Dune (che collega Torre San Gennaro a Lido Presepe) è stata smantellata e al suo posto sta nascendo un bellissimo viale alberato immerso nel verde che costeggia il mare, le dune e l’ex riserva naturale l’Aquatina, rifugio di uccelli migratori. Lungomare Pescatori, viale Marinai d’Italia (che collega San Gennaro a Campo di Mare), e altre vie, un tempo caratterizzate da asfalto disconnesso e pieno di buche, stanno diventando confortevoli viali pavimentati. Belli da percorrere.

piazza lungomare pescatori-2

L’intera opera, che molti cittadini stanno seguendo giorno per giorno da vicino, continua a entusiasmare e a far sperare che queste marine a sud di Brindisi vedano presto la luce del tanto atteso sviluppo economico e turistico. Non va sottovalutata, infatti, la loro posizione strategica: distano pochi chilometri da Aeroporto, sono vicine agli svincoli delle strade statali, vicine ai capoluoghi Brindisi e Lecce. In un’ora permettono di raggiungere la costa ionica o le belle città Salentine.

pozzanghere torre san gennaro5-2

Uno sviluppo, però, che dovrebbe stare a cuore a tutti, da chi ci vive e le frequenta a chi le amministra ma anche a chi i lavori li esegue materialmente. Non è questa la sede per commentare l’intera opera (non essendo ancora stata ultimata), ma le pozzanghere nella nuova pavimentazione non si possono ignorare. 

Potrebbe interessarti

  • Blatte e scarafaggi, come allontanarli

  • Anguria, antiossidante: proprietà, benefici e controindicazioni

  • Stp: rinnovate tutte le corse per le marine della provincia

  • Cicloturismo a Brindisi e provincia: le associazioni crescono

I più letti della settimana

  • Tragedia in campagna: donna rimane incastrata in una vecchia fornace, muore in ambulanza

  • Incidente mortale sul cavalcavia: condannato per omicidio stradale

  • Furgone imbottito di marijuana: 218 chili, un arresto

  • Bottiglie d'acqua minerale esposte al sole: sequestro in un supermercato

  • Inseguiti e arrestati subito dopo il furto di uno scooter

  • Brucia l'auto di un avvocato: secondo episodio in pochi mesi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento