Un'altra missione per i cicloamatori: fondi contro la fibrosi cistica

Pellegrinaggio in bici dell'Asd Bike Torrese a San Giovanni Rotondo, dopo la pedalata di 590 chilometri sino a Roma

TORRE SANTA SUSANNA - È passato poco più di un mese dall’esaltante impresa sportiva che ha visto gli amici dell’Asd Bike Torrese compiere il loro ciclopellegrinaggio che, in soli quattro giorni, li ha portati da Torre a Roma, percorrendo ben 590 chilometri di strade secondarie, che gli stessi amatori sono pronti ad una nuova impresa socio-sportiva. Il giorno 8 giugno, infatti, si cimenteranno in una nuova impresa che in sole 12 ore (dalle 5 di mattina alle 17.00), da Torre li farà giungere a San Giovanni Rotondo, percorrendo  circa 278 chilometri attraverso la Puglia.

1_manifesto evento-2Non si tratterà semplicemente di un impegno sportivo perché i risvolti sociali connessi con l’impresa sono notevoli. Con l’occasione della pedalata socio-sportiva, infatti, verranno portati, come, peraltro, regolarmente avviene, doni ai bimbi ricoverati nel reparto oncologico pediatrico dell’Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza, ma sarà lanciato un altro messaggio di speranza, quello del sostegno alla lotta alla fibrosi cistica, una malattia genetica molto comune fra le malattie genetiche gravi. Chi nasce malato, ha ereditato un gene difettoso - sia dal padre e sia dalla madre - entrambi, senza saperlo, portatori sani del gene Cftr mutato. In Italia c’è un portatore sano ogni 25 persone circa e, se entrambe i componenti la copia sono portatori sani, ad ogni gravidanza, si ha una probabilità su quattro di avere un figlio malato.

La fibrosi cistica altera le secrezioni di molti organi che, risultando più dense, disidratate e poco fluide, contribuiscono al loro danneggiamento. A subire la maggiore compromissione sono i bronchi e i polmoni, che nel tempo, tendono a portare all’insufficienza respiratoria. Oltre che respiratori, i sintomi sono a carico del pancreas, che col progredire del danno pancreatico porta spesso, con l’età, a una forma di diabete. L’organizzazione delle cure e il miglioramento delle terapie, che segue l’evoluzione della ricerca, ha portato un progresso positivo, rispetto agli anni 50, quando un bambino con questa malattia, raramente, arrivava all’età scolare. Oggi, grazie alla ricerca, che di recente ha scoperto farmaci in grado di intervenire su alcuni tipi di mutazione del gene Cftr, le condizioni di vita dei malati aggetti da questa malattia genetica, sono molto migliorate.

Particolare Logo FFC-2Una delle Onlus più attive nel reperimento di fondi per la ricerca sulla cura della Fibrosi Cistica è la Fondazione Ricerca Fibrosi Cistica (https://www.mondoffc.it) - di cui Matteo Marzotto è presidente nazionale - ed è appunto con il logo di questa Onlus sulle magliette, che gli amici cicloamatori torresi porteranno a termine la loro impresa. A Torre Santa Susanna è presente una delegazione della Onlus FFC (https://www.mondoffc.it/delegazione/delegazione-ffc-di-brindisi-torre/ la sola in provincia di Brindisi), il cui delegato responsabile, Oronzo De Tommaso, sarà parte del team sportivo. Il team dei cicloamatori che si cimenterà in questa impegnativa impresa sarà composto da: Vincenzo D’Adamo (Presidente della Asd Bike Torrese), Vincenzo D’Oria, Domenico Saponaro, Carlo Panna, Pietro Calabrese, Gaetano Coppola, Fabio Moccia ed il già citato Oronzo De Tommaso. Saranno, Inoltre, A Supporto Del Team Davide Natale, Cosimo De Nuzzo E Direq (Greg) Duben.

4_magliette con logo FFC-2Di particolare rilevanza è anche il fatto che, quest’anno, sul percorso Altamura-San Giovanni, si unirà al team anche Giuseppe Tota, un quarantenne affetto da fibrosi che farà da testimonial, dimostrando che, seppur afflitto dalla malattia, grazie alla ricerche scientifiche degli ultimi anni,  in grado di unirsi, pedalando, agli altri atleti, portando a termine performances sportive di rilevante livello. Coloro che desiderino supportare la ricerca su questa grave malattia genetica, potranno farlo sia destinando il 5 permille alla ricerca sanitaria, indicando nella relativa casella del Mod.730 o il Mod. Unico, il codice della Fondazione Ricerca Fibrosi Cistica (93100600233), od anche, accedendo al sito internet della Fondazione, dove sarà possibile acquistare sia le magliette indossate dallo stesso team torrese nel suo ciclopellegrinaggio a San Giovanni Rotondo e sia altri regali o gadgets (https://regalisolidali.mondoffc.it/categoria-prodotto/ffc-gadget-sport/).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una domenica con la bomba: quasi tutta Brindisi evacuata

  • Malore alla guida: autista accosta e poi si accascia, in salvo gli studenti

  • Incidenti: le vittime e le strade più pericolose del Brindisino

  • Forti raffiche di vento: alberi sradicati, interventi in provincia

  • Nuova allerta arancione per lo scirocco nella giornata di mercoledì

  • Lite fra vicini sfocia nel sangue: uomo preso a sprangate in testa

Torna su
BrindisiReport è in caricamento