Villanova, porticciolo invaso dalla posidonia: stanziati 100mila euro

Il commissario prefettizio di Ostuni approva un intervento di spostamento della pianta marina presso una cava della zona

OSTUNI – Il Comune di Ostuni ha stanziato 100mila euro per liberare il porticciolo di Villanova dallo strato di posidonia che si accumula nei mesi invernali. Il via libera al progetto è stato dato dal commissario prefettizio della Città Bianca, Rosa Maria Padovano. L’intervento prevede l’abbancamento dei cumuli di posidonia, pianta acquatica che contribuisce al ripascimento degli arenili e che per questo non può essere smaltita in discarica, presso una cava situata in contrada Pezze la Spina, a circa due chilometri dalla località marina. 

L’intervento dell’amministrazione comunale scaturisce dalle numerose richieste giunte negli ultimi giorni. In particolare Domenico Greco, presidente della Pro Loco La Marina di Ostuni, tramite una lettera, aveva invitato il Comune ad adottare provvedimenti in grado di “incidere sotto il profilo igienico-sanitario alla salute dei residenti, degli operatori e dei frequentatori di Villanova porto al fine di rendere gradevole la località della marina di Ostuni”.

Tale situazione verrà risolta entro il periodo pasquale. Successivamente si valuteranno eventuali, ulteriori, interventi. 

Potrebbe interessarti

  • Librerie fai da te: alcune idee

  • Conservazione dei cibi: sai quali sono quelli da tenere fuori dal frigo?

  • Yogurt: dalla Mesopotamia di 3000 anni fa

  • Open space: il frigorifero intelligente per la vostra casa

I più letti della settimana

  • Auto fuori controllo sulla provinciale: un uomo perde la vita

  • Aste giudiziarie, pressioni e minacce ai partecipanti: quattro arresti

  • L'ammiraglio difende la Marina: "In Libia ci siamo. Il problema: i trafficanti"

  • Sulla pista dei furti di trattori: arrestato un allevatore

  • Omicidio Maldarella, fermati anche il padre e la madre dell'arrestato

  • “Mettiti sul letto sennò ti ammazzo”: arrestato per violenza sessuale e rapina

Torna su
BrindisiReport è in caricamento