Assunzioni a Torre Guaceto: il Tar annulla la procedura di selezione

La motivazione: "Procedura svolta senza la preventiva e necessaria pubblicazione dell’avviso pubblico sulla Gazzetta Ufficiale"

BRINDISI – Il Tar di Lecce – Terza Sezione ha annullato i provvedimenti riguardanti le assunzioni a tempo indeterminato di otto unità fatte nel maggio 2019 dal consorzio di gestione dell’oasi di Torre Guaceto, accogliendo il ricorso presentato da sei ricorrenti, rappresentanti dagli avvocati Mariagabriella Spata e Giovanni Francioso, contro lo stesso Consorzio.  Il collegio giudicante, ha rilevato che “la procedura selettiva è stata svolta senza la preventiva e necessaria pubblicazione dell’avviso pubblico sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana e che tale mancata pubblicazione ha viziato, in radice, tutta la procedura selettiva, determinando l’illegittimità di tutti gli atti della stessa”. 

In particolare, vengono annullati i seguenti atti: l’avviso di selezione pubblica, per titoli ed esami, per la formazione di una graduatoria di idonei all'assunzione a tempo indeterminato firmato digitalmente il 31 dicembre 2018 dal direttore del Consorzio di Gestione di Torre Guaceto; l’avviso di pubblicazione elenco dei candidati ammessi, data, orario e sede della prova di esame orale; il provvedimento del 15 maggio 2019, con cui il direttore del Consorzio ha approvato tutti gli atti del procedimento e la graduatoria relativi all’avviso di selezione pubblica per titoli ed esami per la formazione di una graduatoria di idonei per l’assunzione a tempo indeterminato presso il Consorzio di Gestione di Torre Guaceto. 

L’avviso pubblico del dicembre 2018 “costituisce l’ultimo atto – si legge nella sentenza - relativo alla procedura intrapresa dal consorzio di Gestione di Torre Guaceto per la selezione di personale da assumere con contratto a tempo indeterminato, procedura che ha preso le mosse dalla delibera del consiglio di amministrazione n. 35 del 3 dicembre 2018, con la quale era stato disposto l’avvio della procedura di reclutamento, a cui è seguita, il 2 gennaio 2019, la pubblicazione del relativo avviso pubblico sia sul sito internet istituzionale del Consorzio di Gestione di Torre Guaceto (nella sezione “Società trasparente”) sia sull’Albo pretorio on-line”.

L’avviso pubblico, in particolare, prevedeva, quale termine ultimo per presentare la domanda di partecipazione, il 17 gennaio 2019, termine poi prorogato al 23 gennaio 2019, considerato il breve lasso di tempo concesso per la presentazione delle domande.
Alla data di scadenza dell’avviso pubblico, sono pervenute al Consorzio  21 domande e tutti i candidati sono stati ammessi alla successiva fase di selezione che si è conclusa con la determinazione del direttore del Consorzio del 15 maggio 2019 con cui sono stati approvati gli atti di selezione e la graduatoria finale.

I ricorrenti, “tutti disoccupati e in possesso del diploma di scuola media superiore – si legge ancora nella sentenza del Tar - avrebbero potuto partecipare alla predetta selezione ma non lo hanno fatto in quanto ignoravano l’esistenza della stessa a causa del fatto che la medesima non è mai stata pubblicata, secondo gli stessi, nei modi prescritti dalla legge. Per tale ragione, dunque, i predetti ricorrenti, venuti a conoscenza della sopra menzionata procedura con la pubblicazione del provvedimento finale del 15 maggio 2019, con ricorso notificato alle controparti e depositato in data 11 giugno 2019 hanno impugnato i provvedimenti in questione, chiedendone l’annullamento, previa sospensione dell’efficacia”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova vita per le auto rubate: arrestate dodici persone

  • Hai un geco in casa e vuoi liberartene? Ecco le soluzioni

  • Sversavano tonnellate di veleni: Brindisi come la "Terra dei Fuochi"

  • Altri sette casi positivi nel Brindisino sui 10 registrati in Puglia

  • Altri sei contagi e due morti nel Brindisino. Dati in calo nel resto della Puglia

  • Su 9 nuovi casi in Puglia, sette sono della provincia di Brindisi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento