Quartiere Casale, quando il tombino diventa un "orto botanico"

Ai cittadini non resta che ironizzare su ciò che spunta dalle griglie della rete delle acque meteoriche

BRINDISI - Cominciano a diventare interessanti, a Brindisi, alcuni tombini per il deflusso delle acque piovane. Si può cominciare uno studio di botanica, oppure progettare un futuro in cui le foreste amazzoniche saranno drasticamente ridimensionate. Prendiamo ad esempio questa pozzetta all'incrocio tra via Castromediano e via Farinata degli Uberti, al quartiere Casale, quartiere residenziale dove la natura si riproduce con piante adeguate al contesto, e non con le solite erbacce. Cosa starà spuntando dalla griglia, si chiedono i residenti?

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion si ribalta e sfonda spartitraffico: superstrada riaperta al traffico

  • Professore in pensione trovato morto in casa, il corpo era in decomposizione

  • Ucciso a 19 anni: si indaga sul movente. Il papà: "Perché tanta cattiveria"

  • Tute, scooter e passamontagna: i "Falchi" scoprono il covo dei rapinatori

  • Tamponamento tra furgone e trattore sulla provinciale: feriti i conducenti

  • “Aste giudiziarie, prove evidenti”: processo immediato per nove brindisini

Torna su
BrindisiReport è in caricamento