Violenza di genere: a Brindisi il flash mob “Un violador en tu camino”

Appuntamento sabato 29 febbraio alle 17.30, in corso Umberto all’incrocio con via Conserva

BRINDISI - Sabato 29 febbraio alle 17.30, in corso Umberto all’incrocio con via Conserva, andrà in scena il flashmob “Un violador en tu camino”,  a cura di "Non Una di Meno" . Si tratta di un’azione contro lo stupro e la violenza patriarcale ideata dal collettivo femminista #Lastesis per il 25 novembre in Cile, che si è poi diffusa in tutto il mondo, dall’America Latina all’Europa e in Turchia dove. Vietato dalla polizia nelle piazze, le deputate l’hanno rappresentato in Parlamento, perché protette dall’immunità.

"La coreografia e il canto denunciano la repressione attuata dal governo in Cile delle manifestazioni contro le politiche di impoverimento delle classi popolari e lo stupro delle donne nei cortei, perpetrato dai carabineros. Lo stupro è stato utilizzato come strumento per disincentivare la partecipazione alle proteste. La repressione cilena affonda le sue radici nel sistema di terrore della dittatura militare (dal 1973 al 1990)".

"Adottiamo questa forma di protesta anche a Brindisi perché vogliamo fermare la violenza maschile nel nostro paese dove un terzo delle donne italiane e straniere subisce violenza, in prevalenza domestica; dove dal 2008 al 2018 sono state uccise 1.333 donne e nel 2020 si contano già 14 femminicidi;  dove la violenza assistita da parte dei /delle minori è in aumento; dove le persecuzioni degli uomini verso le donne si intensificano quando esse si sottraggono alla violenza; dove un milione 404 mila lavoratrici hanno subito nel corso della loro vita lavorativa molestie fisiche o ricatti sessuali sul luogo di lavoro".

"La violenza maschile e di genere è strutturale e pervade ogni aspetto della nostra vita, rendendola sempre più precaria; e colpisce per questo le donne lesbiche e transgender a scopo punitivo, in quanto soggettività non conformi all’eterosessualità e alle identità di genere non ricomprese nella polarità maschio/femmina".

"Vogliamo richiamare le connessioni sociali che mettono  in discussione l’intero sistema: l’apparato giudiziario che non adotta misure cautelare efficaci per porre fine alle violenze e prevenire i femminicidi; le sentenze con pene irrisorie che minimizzano violenze gravi con attenuanti inaccettabili; l’affidamento dei figli nelle sentenze di separazione che non tengono in debito conto la parola e la sicurezza della donna nei casi di violenza domestica;  l’esiguità  degli investimenti pubblici destinati alle strutture specifiche di sostegno e protezione (centri antiviolenza, case rifugio, percorsi di fuoriuscita dalla violenza, ecc). Dall'indagine Istat sui centri antiviolenza (281) e sul numero di donne (43.467)che ad essi si è  rivolto  nel 2017 si evince che lo Stato ha  speso meno di un euro al giorno  per ogni donna maltrattata. La comunicazione pubblica racconta  ancora la violenza con parole e ricostruzioni che veicolano stereotipi e pregiudizi sessisti, omofobi e transfobici".

"Il flashmob “Un violador en tu camino” vuole essere il nostro grido di rabbia, rivolta e determinazione alla violenza e vogliamo farlo con i nostri corpi. Invitiamo la cittadinanza alla partecipazione".     

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbarco in piena pandemia: decine di migranti rintracciati a Cerano

  • Coronavirus: due decessi a Carovigno, primo caso a San Donaci

  • Altri 23 casi in provincia di Brindisi: il bilancio sale a quota 148

  • Tre nuovi contagiati nel Brindisino e sei persone decedute

  • "Ora basta". I medici esasperati scrivono a prefetto e procuratore

  • Carovigno, imprenditore dona buoni spesa da 30 euro per persone in difficoltà

Torna su
BrindisiReport è in caricamento