Opinioni

Opinioni

Autismo, una sfida genitoriale da affrontare in squadra

Quando arriva la diagnosi di autismo, il mondo crolla. I genitori si sentono impotenti, frustrati, increduli. Il dolore, l’angoscia e la disperazione possono prendere il sopravvento, oscurando ogni tentativo di reazione

Quando arriva la diagnosi di autismo, il mondo crolla. I genitori si sentono impotenti, frustrati, increduli. Il dolore, l’angoscia e la disperazione possono prendere il sopravvento, oscurando ogni tentativo di reazione. Le madri e i padri di bambini con autismo vivono lo sconcerto, la confusione, le immagini costruite su quel figlio cadono amaramente nel vortice grigio di una via senza ritorno.

A chi rivolgersi? Cosa fare? Come sarà il decorso? Queste domande risuonano insistentemente e con sofferenza nella vita dei genitori. Con questa mole di tristezza cronica l’informazione e la formazione di nuove strategie pedagogiche e gestione dello stress personali devono necessariamente essere cercate in un ambiente professionale adeguato e di fiducia. Occorre essere ascoltati e sostenuti in questo delicato e lungo percorso.

Lo stress che affrontano questi genitori è consistente. Emerge che la mancanza d’interazione, del linguaggio, la sfera affettiva scarsamente espansiva provocano un sentimento di rifiuto negli adulti e quindi mettono in moto anche poche risorse, o incostanti, per entrare in relazione e stimolare il bambino stesso. Unita all’assenza di comportamenti sociali, ci sono poi i comportamenti problema che causano frustrazione, angoscia, vergogna, tristezza riducendo le capacità di problem solving e coping nei genitori.

A causa della natura permanente del disturbo, la famiglia è anche molto tormentata dall’incertezza per il futuro connessa quindi a rendere più autonomo possibile il proprio figlio.  Lo stress e la mancanza di fiducia investe pienamente non solo le mansioni genitoriali ma mette a dura prova anche quelle personali e coniugali. Infatti studi dimostrano che molte coppie possono anche separarsi o pensare di farlo, poiché un misto di impotenza, rabbia, vergogna senso di colpa dettano il rifiuto e la resa.

In questo misto di emozioni e pensieri, la tempistica è importantissima: prima s’interviene più risultati si ottengono, poiché la mente del piccolo è più duttile ed i comportamenti possono essere più facilmente modificati. Inoltre prima si richiede un intervento specializzato, più beneficio ne hanno i genitori per un lavoro personale di accettazione, consapevolezza e messa in atto di comportamenti adeguati e funzionali per stessi e per il bambino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Essere ascoltati, partecipare a gruppi di lavoro con altri genitori, sfogare i propri sentimenti risulta utile a diminuire lo stress normalizzare i pensieri e le emozioni di vergogna, rabbia, senso di colpa, angoscia Un intervento a sostegno del quotidiano contribuisce ad alleviare lo stress: la quantità di sollievo dall’accudimento è positivamente correlata alla qualità della vita coniugale; invece, maggiore presa in carico è stata associata ad un aumento dello stress. Un genitore ottimista sarà più predisposto a sfide quotidiane e future. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova vita per le auto rubate: arrestate dodici persone

  • Hai un geco in casa e vuoi liberartene? Ecco le soluzioni

  • Agguato al rione Sant'Elia: giovane automobilista ferito alla gamba

  • Altri sei contagi e due morti nel Brindisino. Dati in calo nel resto della Puglia

  • Su 9 nuovi casi in Puglia, sette sono della provincia di Brindisi

  • Movida blindata a Brindisi: le forze dell'ordine sciolgono gli assembramenti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento