Opinioni

Opinioni

Brindisi Nord, il feticcio del subappalto e la politica degli "accucciati"

Non ci eravamo illusi qualche settimana fa, lanciando l’idea di una dignitosa dismissione di Brindisi Nord, che ci sarebbe stato un plebiscito di adesioni. Conosciamo troppo bene la nostra città per coltivare illusioni. Ed infatti le adesioni si sono contate sulle dita di una mano. Naturali quelle di Riccardo Rossi e della sua simpatica aggregazione (attenti però, elitarismo e isolamento salvano l’anima dei singoli ma spesso aggravano il male di tutti), scontato quello di Fusco che non ha neanche perso tempo a scrivere quattro parole, ma ci ha recapitato copia della parte del suo programma che riguarda l’argomento. Come se un semplice atto burocratico bastasse a liquidare un argomento di ben altra complessità. Contento lui.