Opinioni

Opinioni

"L'agricoltura al centro del patto dello sviluppo per Brindisi"

L'economia agricola con le sue trasformazioni è il settore con la crescita maggiore nel territorio: +62,4 per cento dal 2006

Ad un patto per lo sviluppo del territorio tutti sono interessati. I partecipanti sono chiamati non solo a chiedere ma anche a dare rifuggendo da rituali per evitare che il “tavolo” resti privo di gambe. Siamo in una situazione che richiede coraggio, innovazione, rotture con il passato e anche una messa in discussione di se stessi e di ciascuno che ha responsabilità e funzioni di rappresentanza. La crisi economica, occupazionale e sociale è profonda. Non è più tempo per convegni e di partecipazione fine a se stessa. Diceva J.F. Kennedy: “Non chiederti cosa il tuo paese può fare per te, chiediti cosa puoi fare tu per il tuo paese”. Questo vale per ogni cittadino ma nel caso del patto per lo sviluppo è utile che lo tenga presente ogni attore coinvolto e interessato, istituzionale, politico, sindacale, associativo che sia.

"Patto per lo sviluppo: spazio solo a idee innovative"

Al tavolo bisognerebbe partecipare portando proposte concrete e disponibilità a prendere impegni che possano trasformarsi in progetti che diano il senso di una fase nuova, di una svolta. Governo nazionale, Regione Puglia, istituzioni locali, grandi gruppi, imprese del territorio devono rispondere al “chi fa e che cosa” con coerenza e incisività. Rivendicare è giusto così come chiedere o come si dice “attivare un tavolo” è necessario, a condizione però che ogni soggetto coinvolto sappia fornire indicazioni senza rimanere nel vago di esigenze scontate (più occupazione, più sviluppo) e soprattutto senza diventare portavoce di scelte compiute altrove e confezionate in una vecchia logica di investimenti pur che siano e in grado solo di rialimentare una politica di commesse.

In questi giorni, dopo l’incontro tra associazioni imprenditoriali e sindacali, si sono cimentati in molti a suggerire idee alcune delle quali anche un po’ stantie. Comunque un fatto positivo. Un po’ di chiarezza e di determinazione, però, è richiesta perché si possa definire un insieme di proposte tali da dar vita ad una vertenza Brindisi su cui organizzare, se necessario, penso, una mobilitazione sociale e popolare consapevole, convinta e partecipata. Innanzitutto il tavolo, la vertenza riguarda la città di Brindisi o l’intero territorio provinciale? Inoltre, è il tavolo per il tradizionale apparato industriale o l’occasione  per ripensare, definire i connotati di uno sviluppo più sostenibile, capace di valorizzare tutte le potenzialità, compreso il saper fare di un territorio che ha conosciuto negli anni, nel bene e nel male, i vantaggi, le suggestioni e i danni di un modello ormai consumato e superato?

È giusto quindi partire con i piedi per terra, fare i conti con la realtà (quella vera), ma bisogna sapere dove si vuole andare. E la realtà non è solo quella della città di Brindisi e non è solo l’industria. La presenza di importanti imprese industriali e di produzione, nazionali e multinazionali, è stato certamente un importante fattore per lo sviluppo non solo della città ma di un territorio molto più ampio. Del contributo ad uno nuovo sviluppo di questi gruppi non si può e non si deve fare a meno, anzi vanno richiamati alle loro responsabilità verso un territorio che a loro ha dato tanto. Andrebbero impegnati con proposte per una politica di investimenti per le bonifiche necessarie, per ambientalizzare i processi produttivi, per nuove produzioni che possano sostituire quelle ormai obsolete o in fase di superamento (da quelle petrolchimiche a quelle energetiche da fossili, comprese anche  quelle  che sono diventate residuali e a scorso contenuto tecnologico dello stesso settore aeronautico).

"Comparto agricolo in crescita del 62,4 dal 2006"

Pur essendo allora convinto che non si può assolutamente rinunciare ad uno sviluppo industriale soprattutto in una realtà come la nostra, ricca di vecchie presenze e di professionalità, mi chiedo, da tempo, se allo sviluppo dei nostri territori possano dare un contributo altri settori che meriterebbero però la stessa attenzione e conoscenza come quella riservate ad un apparato industriale sempre più in difficoltà. A venire incontro alle mie vecchie e nuove convinzioni sono di aiuto alcuni dati statistici sulla struttura economica della nostra provincia comprensivi di quelli della città. L’economia provinciale è caratterizzata dalla prevalenza di  “altri servizi” all’interno dei quali stanno il settore della pubblica amministrazione, il settore delle professioni, dei servizi di produzione, del trasporto e del credito e che costituiscono quasi il 52% del valore aggiunto totale.

Nello stesso periodo il valore aggiunto industriale della provincia si attesta attorno al 17% contro una media regionale che non raggiunge il 13%. Dieci anni fa il peso dell’industria in provincia sfiorava il 19%. Ha perso come si evince il 2% mentre nello stesso periodo il peso dell’agricoltura sul valore aggiunto totale è passato da un 3,9% a quasi il 7%, pari a quasi tre volte il dato medio nazionale. Fatto 100 il valore aggiunto della provincia nel 2006, il settore che ha registrato i tassi di crescita maggiori in questi anni è quello agricolo che è cresciuto del 62,4%. Sono dati che dovrebbero aiutare a comprendere le tendenze economiche del territorio.  E per comprendere ancora meglio la struttura economica della nostra provincia possono essere utili questi altri dati.

Nel 2017 le imprese agricole in provincia di Brindisi erano 7.391, quelle industriali 2.300, quelle del commercio 9.737, quelle classificate come altri servizi 8.085. Dei circa 120.000 occupati, 48.000 erano sempre nel 2017 quelli censiti in “altri servizi”, 31.000 quelli occupati nel commercio, trasporti, attività turistiche e ricettive, 20.000 nell’industria, 13.000 in agricoltura, 9.000 (in calo continuo) nel settore delle costruzioni. Un patto per lo sviluppo allora deve fare i conti con questi dati e non può prescindere dal contributo che anche il settore agricolo può e deve dare. È l’unico settore in crescita e che, malgrado le difficoltà, ha ancora enormi potenzialità essendo il settore che interagisce più di ogni altro con altri settori e può caratterizzare, non solo dal punto di vista produttivo, l’intero territorio. Infatti agricoltura è anche  territorio, paesaggio, turismo. È parte di una possibile economia circolare e orizzontale.

"Difendere e valorizzare l'agroalimentare"

Una politica lungimirante per lo sviluppo deve tener presente allora il settore agricolo di questo nostro territorio, le sue campagne. Bisognerebbe ricostruire la stessa tensione, le stesse attenzioni rivolte ad altri settori superando disattenzioni e sottovalutazioni. Non è un settore residuale e vecchio, anzi i dati richiamati dimostrano che è in crescita. Negli ultimi anni ci sono stati, e tuttora ci sono, investimenti importanti nella vitivinicoltura, nelle orticolture, oltreché nella olivicoltura anche se quest’ultima oggi deve fare i conti con la Xylella. Investimenti che stanno riqualificando gli aspetti, i paesaggi della stessa campagna che circondano le nostre città compresa anche quella di Brindisi.

Si sta facendo avanti una agricoltura moderna, attrattiva di innovazioni, di completamento di filiere e che può determinare una valorizzazione e una enorme potenzialità turistica. Paesaggio agricolo, storia, produzioni agricole e loro trasformazione, siti, masserie che circondano la stessa città di Brindisi non hanno niente da invidiare a quelle del Salento o della valle d’Itria a condizione che vengano valorizzati, e che vengano bloccate ulteriori aggressioni come quelle determinate dai campi fotovoltaici che sembrano invece ulteriormente riproporsi.

Ci vorrebbe una nuova cultura amministrativa e forse anche urbanistica che senza stravolgimenti paesaggistici fosse in grado di determinare un nuovo rapporto tra città e campagna. Andrebbero definite, per esempio, procedure e incentivazioni utili per costruire o ristrutturare insediamenti di campagna dove un’accoglienza di qualità potrebbe attrarre un turismo che sempre più va alla ricerca di paesaggio agricolo e di produzioni tipiche locali.

 Penso non solo all’agriturismo ma anche alle potenzialità che l’enoturismo e la enogastronomia possono avere nel nostro territorio con quel rapporto tra campagna, città e mare, che difficilmente si può trovare in altre parti della Puglia. Il ruolo dell’agricoltura può, allora risultare utile per ripensare e costruire uno sviluppo più armonico e più sostenibile che non si contrappone ad altri settori ma può fare da mitigazione o da integrazione alle tante e altre potenzialità del territorio comprese quelle di una industria meno impattante. (Carmine Dipietrangelo - presidente Left Brindisi)

Potrebbe interessarti

  • Dopo Ferragosto, in forma con la dieta detox

  • Smettere di fumare: trucchi e consigli per dire addio al tabacco

  • Topi, sporcizia e inciviltà: il parco del Cillarese sprofonda nel degrado

  • Potassio, usi e benefici: perché assumerlo e gli alimenti che lo contengono

I più letti della settimana

  • Parcheggiatore stroncato da infarto nella movida delle discoteche

  • Si apparta con la moglie di un detenuto: mamma e figli lo pestano

  • "Hanno aiutato il nostro bimbo, aiutateci a rintracciarli e ringraziarli"

  • Tragedia in spiaggia: anziano perde la vita mentre fa il bagno

  • Tamponamento sulla superstrada finisce con denuncia per rissa

  • Scontro sulla litoranea: mamma e due bambini in ospedale

Torna su
BrindisiReport è in caricamento