Evasione e rifiuto di sottoporsi ad accertamenti: due denunce

Si tratta di un 46enne ai domiciliari per un incendio doloso e di uno studente di 20 anni. Entrambi risiedono a Brindisi

BRINDISI - Due persone sono state denunciate per i reati di evasione e di rifiuto di sottoporsi agli accertamenti, nell’ambito dei servizi di controllo del territorio effettuai dai carabinieri della Sezione Radiomobile della compagnia di Brindisi. 

Un 42enne deve rispondere del reato di evasione, in quanto non è stato trovato all’interno della sua abitazione, dove dal 24 ottobre 2018 si trovava in regime di domiciliari, a seguito dell’arresto per il danneggiamento seguito da incendio commesso il 14 ottobre 2018 in piazza Favretto, nonché di altri reati perpetrati in precedenza nei riguardi della parte offesa.

Uno studente di 20 anni, invece, è stato denunciato per rifiuto di sottoporsi ad accertamenti finalizzati a stabilire la guida in condizioni di alterazione psicofisica dovuta all’assunzione di droghe. Il giovane è stato fermato alla guida di una Mini Cooper di proprietà di un conoscente in evidente stato di alterazione psicofisica. La patente di guida è stata ritirata e il veicolo affidato al proprietario.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Sicurezza

    Come difendersi dai pesciolini d'argento (e cosa sono)

  • Sicurezza

    Hai un geco in casa e vuoi liberartene? Ecco le soluzioni

  • Utenze

    Truffa su bollette di luce e gas: le parole da non pronunciare mai al telefono

  • Casa

    Come eliminare le macchie di umidità dalle pareti di casa

I più letti della settimana

  • Come difendersi dai pesciolini d'argento (e cosa sono)

  • Truffa su bollette di luce e gas: le parole da non pronunciare mai al telefono

  • Abbellire il terrazzino e il balcone: suggerimenti verdi

  • Trucchi e consigli per pulire e disinfettare il condizionatore

  • Mutuo ristrutturazione 2019: come richiederlo e quali sono le detrazioni

  • Le piante antismog per la casa

Torna su
BrindisiReport è in caricamento