Evasione e rifiuto di sottoporsi ad accertamenti: due denunce

Si tratta di un 46enne ai domiciliari per un incendio doloso e di uno studente di 20 anni. Entrambi risiedono a Brindisi

BRINDISI - Due persone sono state denunciate per i reati di evasione e di rifiuto di sottoporsi agli accertamenti, nell’ambito dei servizi di controllo del territorio effettuai dai carabinieri della Sezione Radiomobile della compagnia di Brindisi. 

Un 42enne deve rispondere del reato di evasione, in quanto non è stato trovato all’interno della sua abitazione, dove dal 24 ottobre 2018 si trovava in regime di domiciliari, a seguito dell’arresto per il danneggiamento seguito da incendio commesso il 14 ottobre 2018 in piazza Favretto, nonché di altri reati perpetrati in precedenza nei riguardi della parte offesa.

Uno studente di 20 anni, invece, è stato denunciato per rifiuto di sottoporsi ad accertamenti finalizzati a stabilire la guida in condizioni di alterazione psicofisica dovuta all’assunzione di droghe. Il giovane è stato fermato alla guida di una Mini Cooper di proprietà di un conoscente in evidente stato di alterazione psicofisica. La patente di guida è stata ritirata e il veicolo affidato al proprietario.

Potrebbe interessarti

  • I rimedi per liberarsi dai ragnetti rossi

  • Arredamento anni ottanta: suggerimenti e consigli

I più letti della settimana

  • I rimedi per liberarsi dai ragnetti rossi

  • Arredamento anni ottanta: suggerimenti e consigli

  • Casa, la checklist prima di partire in vacanza

  • Dalle vernici a base di argilla alle fibre vegetali: ecco la casa vegana

Torna su
BrindisiReport è in caricamento