Bancarotta fraudolenta, assolto imprenditore: il fatto non sussiste

Il Tribunale riconosce la correttezza della condotta di Vito Sacchi, legale rappresentante di una società di calzature

BRINDISI – Sei anni dopo la dichiarazione di fallimento, il Tribunale di Brindisi ha assolto dall’accusa di bancarotta fraudolenta Vito Sacchi, ostunese, finito sotto processo in qualità di legale rappresentante della società Calzature In con sede a San Vito dei Normanni.

La sentenza

Massimo Manfreda-2Il verdetto di primo grado è stato pronunciato dal collegio presieduto da Domenico Cucchiara “perché il fatto non sussiste” (a latere Zizzari e Fiorella). La sentenza dà ragione dalla difesa dell’imputato, affidata all’avvocato Massimo Manfreda del foro di Brindisi (foto accanto).

L’istruttoria dibattimentale, come sostenuto dal penalista nella sua arringa, ha dimostrato che le scritture contabili erano state regolarmente tenute e depositate e che la merce non era stata sottratta ma venduta attraverso una cessione a stock. Tale procedura è stata ritenuta più volte legittima dalla Corte di Cassazione. Le motivazioni saranno depositate nel termine di 90 giorni.

L’accusa

Il rappresentante della pubblica accusa aveva confermato l’impostazione iniziale e aveva invocato la condanna del professionista perché “con più azioni del medesimo disegno criminoso, teneva libri contabili e scritture della società, in modo tale da non rendere possibile la ricostruzione del patrimonio e del movimento degli affari, allo scopo di recare pregiudizio ai creditori”. Nel capo di imputazione si contestava la “distrazione di merce per un ammontare complessivo di 635.863 euro”.

Il fallimento

Il processo è scaturito dalla dichiarazione di fallimento depositata dal Tribunale di Brindisi il 5 giugno 2012. La curatela è stata rappresentata in giudizio dall’avvocato Stefania Ester Spina.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale sulla superstrada: lunedì i funerali del dipendente comunale

  • Omicidio Carvone: nuovi arresti per una sparatoria

  • Violento scontro fra auto e scooter a Brindisi: grave un 15enne

  • Bollo auto non pagato: condono per importi fino a 1000 euro

  • Schiva una coltellata e costringe il bandito a mollare il bottino

  • Minacce e fucilata tra i bambini prima dell'agguato mortale

Torna su
BrindisiReport è in caricamento