Rapina in gioielleria, i nomi dei due fermati dopo le foto su Fb. Si cerca l'autista

Luigi Blasi e Oronzo Ligorio finiscono in carcere: domani la convalida. Bloccati a distanza di meno di 24 ore dal colpo nell’oreficeria Idea Oro di Lecce, in piazza Mazzini: pericolo di fuga. Decisive le immagini del sistema di videosorveglianza pubblicate su Facebook

BRINDISI – Le foto pubblicate su Facebook subito dopo la rapina hanno permesso di arrivare a fermare due ragazzi brindisini con l’accusa di essere i responsabili del colpo nell’oreficeria Idea Oro di Lecce: Luigi Blasi e Oronzo Ligorio sono in carcere da ieri pomeriggio, sabato primo luglio, in attesa della convalida prevista per la giornata di domani. Concreto è stato ritenuto il pericolo di fuga, anche in relazione alla diffusione delle immagini.

Sono entrambi sottoposti a decreto di fermo a meno di 48 ore dall’azione ripresa per intero dalle telecamere del sistema di videosorveglianza della gioielleria. I frammenti in cui si vedono i volti, scoperti, dei due ragazzi sono stati postati sul social network dalla titolare con invito a condividere in modo tale da facilitare l’identificazione e arrivare all’arresto.

Il primo indizio che la donna ha consegnato agli agenti della Mobile è stato l’accento: “Era brindisino”, ha detto. E poi ha consegnato il filmato della rapina che, a quanto pare, non è andata come doveva. Per lo meno come era stato sperato perché avevano intimato alla titolare, sotto la minaccia di una pistola, di aprire la cassaforte. Ma il caveau non si è aperto e a quel punto i due sono riusciti a prendere solo alcuni dei panni in velluto nei quali c’erano collane e bracciali.

Erano entrambi a volto scoperto e ben vestiti, probabilmente sono entrati fingendosi clienti, poi uno ha impugnato l’arma. Non è escluso che ad attendere la coppia ci fosse una terza persona: le telecamere hanno ripreso una Fiat Punto in fuga, di conseguenza si ritiene che ci sia stato un complice. Ed è sul terzo uno che si stanno concentrando le indagini.

 I due fermati saranno interrogati domani dal gip del Tribunale di Brindisi al quale il pubblico ministero di turno dovrebbe chiedere l’emissione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore schiacciato da un trattore: tragedia nelle campagne

  • Bollo auto e Documento unico di circolazione, le novità 2020

  • Quanto costa una casa a Brindisi quartiere per quartiere

  • Doppio inseguimento e lancio di chiodi dopo assalto a bancomat

  • Lite in un locale: un uomo ferito al collo con un bicchiere rotto

  • Operaio investito: un collega insegue auto pirata e la blocca

Torna su
BrindisiReport è in caricamento