Amore, telefonini e appropriazioni indebite: due denunce

I carabinieri di Villa Castelli e Brindisi si sono occupati di due vicende a tema su querele delle parti lese

Amore e smartphone, qualche volta finisce male. A Villa Castelli i carabinieri della stazione cittadina hanno denunciato per appropriazione indebita una donna del luogo che si sarebbe appropriata di due telefonini durante la sua relazione sentimentale con l’uomo che li aveva acquistati. Estintasi la passione, i telefonini non sono mai tornati indietro (in senso metaforico). Da qui la denuncia presentata all’Arma locale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A Brindisi, invece, nessuna amore finito, ma solo una “interferenza” da parte di un fratello di lui. Infatti i carabinieri hanno denunciato il giovane per appropriazione indebita, al termine dei dovuti accertamenti svolti in seguito a querela sporta dalla parte lesa, poiché si sarebbe appropriato  indebitamente di una batteria portatile per smartphone, lasciata occasionalmente presso la sua abitazione dalla ragazza del fratello.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assalto al blindato Cosmopol, gli arresti della banda

  • Si accascia in spiaggia e muore, tragica domenica per un anziano francavillese

  • Alle rapine con la mamma: colpi ai distributori, quattro arresti

  • Spesa vip per lo scrittore e conduttore Fabio Volo, in relax nei trulli

  • Moto fuori controllo sulla provinciale: un giovane perde la vita

  • I 100 anni di Giovanni Saracino: ha combattuto la seconda guerra mondiale

Torna su
BrindisiReport è in caricamento