Accoltella il ristoratore che non paga lo stipendio alla sua compagna: arrestato

Un 49enne è accusato di tentato omicidio, estorsione aggravata dall’uso di armi, lesioni personali e porto abusivo di arma non da sparo

CEGLIE MESSAPICA – Tentato omicidio, estorsione aggravata dall’uso di armi, lesioni personali e porto abusivo di arma non da sparo. Sono queste le accuse da cui dovrà difendersi il 49enne di Ceglie Messapica Silvano Pugliese che nella notte tra ieri e oggi, martedì 25 settembre, ha aggredito con un coltello il datore di lavoro della sua convivente, un ristoratore del luogo di 47 anni, A.D..  I fatti si sono verificati intorno alle due della notte.

La convivente, N.S. 45 anni cameriera presso il ristorante della vittima, da quanto è stato ricostruito dai carabinieri della stazione di Ceglie che hanno operato con l'ausilio dei colleghi del Nor della compagnia PUGLIESE Silvano, classe 1969-2-2di San Vito dei Normanni, al comando del tenente Alberto Bruno, giunti sul posto subito dopo i fatti, non riceveva lo stipendio da due mesi. Ha un contratto part time e per la coppia il lavoro della donna rappresenta l'unica fonte di guadagno. Pugliese si è recato al ristorante a piedi già con in mano il coltello. Nell'altra sorreggeva un ombrello. La compagna intuendo quello che stava per accadere avrebbe cercato di dissuaderlo non riuscendoci. Le urla hanno attirato l'attenzione del titolare che una volta raggiunta la coppia è stato colpito al collo da una coltellata. L'aggressore si è allontanato e la vittima ha cercato riparo nel ristorante. Poco dopo Pugliese si è presentato nel locale continuando a minacciare il ristoratore, brandendo l'ombrello. Poi si è dato alla fuga.

I carabinieri del Nor si sono subito messi subito a lavoro per cercare il responsabile della brutale aggressione. Nel frattempo la vittima è stata portata al Pronto soccorso dell’ospedale Perrino di Brindisi dove è stata medicata. Il taglio, chiuso con punti di sutura, è stato giudicato guaribile in 20 giorni.

I carabinieri hanno trovato pugliese poco prima delle 4 mentre si aggirava a piedi per il centro storico. Indossava abiti diversi rispetto a quelli segnalati dalla vittima. È stato poi accertato che aveva cambiato vestiti per eludere le investigazioni. In casa sua i carabinieri hanno trovato l’arma con cui ha colpito il ristoratore: un coltello a serramanico di 10 cm di lama, era stato riposto su una mensola della cucina. 

Silvano Pugliese è stato arrestato e rinchiuso nel carcere di Brindisi. Le indagini dei carabinieri saranno orientate, con l’ausilio dei colleghi del Nucleo ispettorato del Lavoro anche ad accertare la posizione lavorativa della sua compagna.

Circa 12 anni fa, nell’aprile 2006, l’uomo si rese protagonista di un simile episodio: sempre a Ceglie Messapica accoltellò per o stesso motivo il datore di lavoro della moglie, da cui si è successivamente separato. La donna era creditrice di circa 500 euro. La vittima in quel caso era il titolare di un laboratorio di capi di abbigliamento.

Ooltre vent’anni fa, invece, fu arrestato perché accusato dell’omicidio della madre e del compagno della stessa ma successivamente fu assolto con formula piena per non aver commesso il fatto.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Incidente stradale nella notte: automobilista trovato morto all'alba

  • Cronaca

    Furto nella stazione di servizio: in fuga con la cassetta dei contanti

  • Cronaca

    Incendio nel capannone della lavanderia: escluso il dolo

  • Sport

    Playoff: Brindisi perde anche gara 2. Mercoledì l'ultima chance

I più letti della settimana

  • Come difendersi dai pesciolini d'argento (e cosa sono)

  • Sequestrati 350mila euro alla famiglia Bruno: indagati padre e figlio

  • Da 20 anni al carcere duro, prossimo alla laurea in Giurisprudenza

  • Controlli dei carabinieri: due arresti. Rinvenute anche due auto

  • Crollo solaio in una scuola: dimesso l'operaio, cantiere sotto sequestro

  • Strade e sottopassi allagati: anziani coniugi salvati dai carabinieri

Torna su
BrindisiReport è in caricamento