Accoltellamento in piazza: caso risolto in pochi giorni, autore arrestato

Convalidato il fermo di indiziato di delitto eseguito nei confronti del 23enne di Francavilla Fontana autore del tentato omicidio avvenuto nella notte tra sabato 1 e domenica 2 febbraio

FRANCAVILLA FONTANA - Convalidato il fermo di indiziato di delitto eseguito nei confronti di Ivan Moscogiuri, il 23enne di Francavilla Fontana autore del tentato omicidio avvenuto nella notte tra sabato 1 e domenica 2 febbraio in piazza Umberto a Francavilla Fontana nei confronti di un 48enne del posto. Durante l’accoltellamento è stato ferito anche il figlio di quest’ultimo.

Muscogiuri dopo essersi costituito il pomeriggio del 4 febbraio, assistito dal suo legale Giancarlo Camassa, è stato trasferito nella casa circondariale di Brindisi a seguito del fermo posto in essere dai carabinieri del Nucleo operativo della compagnia di Francavilla Fontana, diretti rispettivamente dal tenente Andrea Grasso e dal capitano Gianluca Cipolletta.

I fatti

Secondo la ricostruzione fatta da carabinieri il 24enne ha inflitto più di dieci coltellate all’indirizzo del 48enne dandosi successivamente alla fuga. La vittima è stata trasportata da personale del 118 presso Pronto soccorso del locale ospedale “Camberlingo”, dove è stato riscontrato un “Trauma toracico chiuso con emopneumotorace da ferita da coltello dorsale sx, spalla dx e sx”. Il 48enne è stato sottoposto a intervento chirurgico e trasferito Policlinico di Bari in Chirurgia toracica, non è in pericolo di vita. Il figlio, invece, ha riportato “lieve ferita da taglio fianco dx” giudicata guaribile in 7 giorni.

accoltellamento piazza Umberto francavilla1-3

Nel giro di pochi minuti dai fatti i militari dell’Arma sono riusciti a identificare l’aggressore grazie alle raccolte testimoniali ma soprattutto per aver istantaneamente estrapolato i filmati delle telecamere di videosorveglianza comunali. Il 23enne, però, si è reso irreperibile.  I militari hanno eseguito controlli e perquisizioni a casa dei parenti “Per aver percepito, tramite gli organi di stampa, dell’immediata identificazione da parte degli inquirenti, il 23 enne vistosi fortemente braccato da quest’Arma, il pomeriggio del 4 febbraio, accompagnato dal proprio legale, ha deciso di costituirsi dopo due giorni d’irreperibilità”.

Si ritiene abbia trascorso questo periodo nascosto in una campagna isolata, rifugiatosi per paura di esser rintracciato dai carabinieri. La successiva consulenza medico legale ha confermato che le numerose coltellate “erano dirette in modo non equivoco a cagionarne la morte”.

Le indagini

I carabinieri di Francavilla Fontana, dopo aver raccolto chiari indizi di colpevolezza nei confronti del 23 enne, lo hanno sottoposto a fermo d’indiziato di delitto per “tentato omicidio”. Il giudice per le indagini preliminari ha condiviso l’ipotesi ricostruttiva dei militari, convalidando il fermo, supportato anche dal “pericolo di fuga” ed applicando contestualmente la misura coercitiva della custodia cautelare in carcere.

accoltellamento piazza Umberto francavilla2-2

“L’intervallo di tempo d’irreperibilità, durato poco più di 48 ore, è stato sicuramente utile all’occultamento dell’arma ed eventualmente, alla predisposizione di una versione di comodo da fornire agli inquirenti, ma anche per organizzare una possibile fuga, considerando la gravità dei fatti commessi ed i limiti edittali previsti dal codice”.

MOSCOGIURI IVAN CLASSE 1996-2

“Anche a seguito dell’interrogatorio di garanzia, non è emerso il movente che ha portato all’efferato gesto, probabilmente per pregressi dissapori. L’arrestato non ha indicato ove è stata occultata l’Arma”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbarco in piena pandemia: decine di migranti rintracciati a Cerano

  • Coronavirus: due decessi a Carovigno, primo caso a San Donaci

  • Altri 23 casi in provincia di Brindisi: il bilancio sale a quota 148

  • Tre nuovi contagiati nel Brindisino e sei persone decedute

  • "Ora basta". I medici esasperati scrivono a prefetto e procuratore

  • Carovigno, imprenditore dona buoni spesa da 30 euro per persone in difficoltà

Torna su
BrindisiReport è in caricamento