Aggressione a titolare di B&B: identificati e denunciati i responsabili

Si tratta di un 54enne, un 30enne e un 24enne del luogo, sono stati denunciati per lesioni personali gravi in concorso

CEGLIE MESSAPICA – Identificati gli uomini che nella notte tra giovedì e venerdì scorsi hanno aggredito brutalmente un 52enne di Ceglie Messapica titolare di un B&B. Si tratta di un 54enne, un 30enne e un 24enne del luogo, sono stati denunciati per lesioni personali gravi in concorso. La vittima in seguito al pestaggio ha riportato un “trauma cranio facciale con frattura composta tetto orbitale sinistro – frattura composta ossa del naso – contusioni toraciche multiple” ed è tuttora ricoverata nell’ospedale di Francavilla Fontana sotto osservazione. Il movente, secondo quanto ricostruito dai militari della stazione di Ceglie consisterebbe in alcuni apprezzamenti che l’imprenditore avrebbe avanzano nei confronti della fidanzata di uno dei tre aggressori, precisamente il 30enne

La vittima si è presentata al Pronto soccorso dell’ospedale di Ceglie Messapica intorno all’1.30 riferendo di essere stata picchiata, del fatto sono stati informati i carabinieri che si sono messi subito a lavoro per risolvere il caso. Non ci è voluto molto per scoprire che si era trattato di una spedizione punitiva. L’aggressione era avvenuta nel piazzale antistante la struttura ricettiva. Poco prima l’imprenditore, all’interno di un locale del posto, aveva esternato apprezzamenti nei confronti della fidanzata di uno dei tre aggressori. Durante la perquisizione domiciliare conseguente all’identificazione dei tre malfattori, a casa del 54enne è stato trovato un fucile calibro 20 marca Beretta, e 18 munizioni calibro 7.65. Per lui è scattata la denuncia per violazione dei previsti obblighi di custodia e illecita detenzione di munizioni.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpi di pistola alla testa: brindisino ucciso sotto casa a 19 anni

  • Camion si ribalta e sfonda spartitraffico: superstrada riaperta al traffico

  • Professore in pensione trovato morto in casa, il corpo era in decomposizione

  • "Samara Challenge": a San Pietro si chiede l'intervento delle forze dell'ordine

  • Ucciso a 19 anni: si indaga sul movente. Il papà: "Perché tanta cattiveria"

  • Vivere e morire nel ghetto. L'altra faccia dell'emergenza giovanile

Torna su
BrindisiReport è in caricamento