Altra domenica fra i cumuli di rifiuti sulla spiaggia di Punta Penne

Arrivati al 10 luglio, gran parte delle spiagge pubbliche del litorale a nord di Brindisi è ancora costellata di rifiuti. La spiaggia di Punta Penne è una di quelle messe peggio

BRINDISI – Arrivati al 10 luglio, gran parte delle spiagge pubbliche del litorale a nord di Brindisi è ancora costellata di rifiuti. A onor del vero ci sono dei punti, come lo spicchio di arenile adiacente al nuovo stabilimento balneare Oktagona (ex lido Poste), in cui la sporcizia è sparita. Ma in altre zone, il degrado continua a regnare sovrano.

Proprio a pochi centinaia di metri dall’Oktagona, la spiaggetta libera di località Punta Penne, adiacente a lido Granchio Rosso, è ancora piena zeppa di rifiuti portati dal mare (e abbandonati lì dai soliti incivili) . Nelle foto a corredo dell’articolo scattate da Mario Carlucci, si vedono decine di bagnanti ibtenti a prendersi la tintarella, circondati da cumuli di oggetti di plastica misti a buste, pezzi di legno, bottiglie e altro ancora. E nel raggio di decine di metri non si scorge neanche un cestino.

La spiaggia di Punta Penne nel degrado 4-2

A detta degli abituali frequentatori della zona, non era mai accaduto che la spiaggia di Punta Penne, a luglio inoltrato, fosse ridotta in queste condizioni, con i bimbi costretti a fare lo slalom fra i vari ostacoli che spuntano dalla sabbia, correndo il rischio, fra l’altro, di tagliarsi un piede. Qualcuno sulla spiaggia ha notato i segni lasciati dal passaggio di un trattore, desumendo che un timido intervento di pulizia sia stato intrapreso. Ma è troppo poco.

La spiaggia di Punta Penne nel degrado 6-2

E’ inaccettabile che la gente debba imbattersi in uno scenario del genere, nel cuore dell’estate. E’ una mancanza di rispetto nei confronti dei tanti cittadini (gli stessi costretti a pagare la Tari più alta d’Italia) che non potendo permettersi i comfort di una struttura privata, è lì che devono andare per farsi il bagno.

Per quanto tempo ancora dovrà andare avanti questa situazione? Questo è l’ennesimo articolo sullo stato d’abbandono in cui versa il litorale (non solo per i rifiuti che giacciono sull’arenile, ma anche per quelli depositati ai margini della carreggiata dagli inquinatori) dall’inizio della bella stagione. La speranza è che sia l’ultimo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus, paziente in valutazione al Perrino. Treno bloccato a Lecce

  • Incidente nella notte, quattro giovani feriti. "Ringrazio i medici"

  • Dramma a Savelletri: cadavere di un uomo ritrovato sugli scogli

  • Brindisi: tentatato suicidio in carcere. Detenuto salvato da un agente

  • Detenuto ai domiciliari ingerisce acido: morto dopo dieci giorni di agonia

  • Furto di trattore si conclude con inseguimento, incidente e arresto

Torna su
BrindisiReport è in caricamento