Analizzate le tracce ematiche trovate nei pressi della piazza: "Non è sangue umano"

Gli esami di laboratorio hanno confermato che non si trattava di sangue umano: probabile zuffa tra cani

CAROVIGNO – Risolto il giallo delle tracce ematiche trovate la mattina del 13 marzo scorso nei pressi della piazza centrale di Carovigno: non si tratta di sangue umano, con ogni probabilità la presenza del sangue per terra è riconducibile a una zuffa tra cani.

A renderlo noto i carabinieri in una nota stampa “Le analisi di laboratorio hanno escluso che possa trattarsi di sangue umano”. Sul caso si sono messi a lavoro i militari della compagnia di San Vito dei Normanni diretta dal capitano Antonio Corvino, allertati da alcuni cittadini che all’alba di mercoledì scorso hanno trovato una chiazza di sangue sul selciato della piazza. Immediati i controlli, i militari hanno prelevato campioni di sangue ed eseguito controlli in tutti gli ospedali della zona per verificare la presenza di persone ferite eventualmente da arma da taglio o vittime di qualche aggressione. L’esito è stato negativo, gli esami di laboratorio hanno confermato che non si trattava di sangue umano. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Elezioni europee: alle 19 affluenza del 34,09 per cento nel Brindisino

  • Elezioni

    Scrutinatore scatta foto a registro elettori: allontanato dalla sezione

  • Cronaca

    Malore in una casa di campagna: muore un bracciante agricolo

  • Attualità

    Regata storica da Brindisi a Tel Aviv: equipaggi arrivati a Creta

I più letti della settimana

  • Incidente stradale nella notte: automobilista trovato morto all'alba

  • Traffico di cocaina, 18 arresti: forniture organizzate a Brindisi

  • Ospedale Perrino, donati gli organi di una donna morta a 62 anni

  • Minacciato e rapinato dell'auto: caccia ai banditi

  • Furto nella stazione di servizio: in fuga con la cassetta dei contanti

  • Notte di fuoco tra Brindisi e Mesagne: incendiate tre auto

Torna su
BrindisiReport è in caricamento