Natale a Brindisi, pista di pattinaggio in piazza Vittoria dall’11 dicembre

Ok del Comune al programma delle iniziative proposto dall’associazione brindisina Venti&Venti. Costo pari a 45mila euro rispetto all’impegno di spesa di 60mila: sette le proposte arrivate dopo l’avviso pubblico per favorire lo shopping in centro

BRINDISI – Babbo Natale quest’anno eleggerà domicilio a Brindisi,  in piazza Vittoria,  con un ufficio postale pronto a ricevere le lettere dei bambini e una piccola pista di ghiaccio (sintetico)  per pattinatori anche alla prima esperienza, piccoli e grandi. Tutto a partire dall’11 dicembre. Con ingresso gratuito.

La proposta arriva dall’associazione brindisina “Venti & Venti” di Candida Colantonio ed è stata scelta dal Comune di Brindisi perché ritenuta la più articolata  tra le sette pervenute negli uffici della ripartizione alle Attività produttive, in risposta all’avviso pubblicato lo scorso 16 novembre, per iniziative in tema natalizio, in grado di trainare lo shopping nei negozi della zona del centro, rimasto sofferente per la concorrenza degli ipermercati.

Il programma presentato dall’associazione, nata nel capoluogo quattro anni fa, ha superato il vaglio della commissione  composta da soggetti professionalmente idonei, nominata appositamente,  della quale hanno fatto parte il dirigente del settore Attività produttive, Nicola Zizzi, il funzionario della ripartizione Beni Monumentali, Maurizio Marinazzo e il dipendente Pino Nardelli.

Scartate le proposte presentate da: Associazione Sole di Vito Camassa di Brindisi, Babaluba di Napoli, Motumus di Maurizio Ciccolella, Pro Loco di Tuturano a firma di Italo Guadalupi. Fuori termine massimo le offerte di Pubblidea di Alessandro Perchinenna e di Mattia Cozzetto, entrambi di Brindisi.

A giudizio dei componenti il Villaggio di Babbo Natale e l’annessa pista di ghiaccio sintetico consentiranno di centrare i due obiettivi sui quali punta l’assessorato alle Attività Produttive, affidato a Giuseppe De Maria: prima di tutto la volontà di “avvolgere l’intera città in un’atmosfera che richiami il calore della festa”, stando a quel che si legge nella delibera di Giunta con cui è stata approvata la spesa prevista, per 60mila euro.

Per questo “occorrerà farsi interpreti della domanda di cittadini sempre più esigenti, che chiedono momenti di aggregazione e socializzazione in questo particolare periodo dell’anno”. Con una precisazione: “Le iniziative seguiranno una logica di continuità con quanto deliberato nei precedenti anni volendo così, nonostante la esiguità delle risorse finanziarie derivanti da significativi vincoli di spesa, porre le condizioni affinché la città non sia privata di quelle iniziative tanto apprezzate, condivise e partecipate dalla comunità brindisina e dai cittadini dei centri non solo limitrofi ma dall’intero Salento e dalle altre città pugliesi”.

Questo il concetto di fondo, al quale si aggiunge una richiesta specifica in pendant con il “programma politico-amministrativo”, vale a dire la “valorizzazione del centro storico, dei corsi e delle piazze principali, attorno alle quali si ritiene di dover creare una valida attrattiva” per chi è interessato allo shopping natalizio “a sostegno del commercio e in concorrenza con i centri commerciali posti nei dintorni che da sempre mettono in campo progetti molto invitanti di attrazione”.

La scommessa, per la versione 2015, che vale come augurio da parte dello stesso Comune è che Babbo Natale faccia acquisti a Brindisi, tra i negozi dei corsi per favorire l’economia locale ancora a corto di ossigeno. Meglio ancora se poi dovessero arrivare i turisti: la promozione del territorio resta sempre.

Con l’associazione Venti e Venti, Babbo Natale sarà effettivamente  di casa a Brindisi, nel cuore del centro, nella piazza considerata come il salotto buono: l’inaugurazione è prevista per il prossimo 11 settembre con spettacoli pensati per i più piccoli. Sarà aperto il villaggio, ci sarà la possibilità di entrare nell’ufficio postale e di pattinare su uno specchio sintetico di dodici metri per sei. Gli ingressi sono gratuiti. Ci sarà un box per il noleggio, a pagamento, dei pattini.

Il programma così come è stato confezionato ha un costo di 45mila euro, somma che trova capienza nel bilancio del Comune di Brindisi, dove sono stati previsti 60mila euro, raccolti mettendo mano a diversi capitoli: 34.814 euro sono stati resi disponibili dalle spese per l’organizzazione delle fiere, 3.500 da interventi vari, diecimila dalle politiche in favore dell’artigianato e infine 11.686  derivano dai servizi per il commercio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brindisi, ospedale Perrino: turista lombardo positivo al Covid-19

  • Furgone si ribalta sull'autostrada: brindisino muore in Veneto

  • Spari contro il balcone di un'abitazione: feriti marito e moglie

  • Giovane malmenata in strada: carabiniere fuori servizio blocca fidanzato violento

  • Ostuni torna a popolarsi di vip, fra cantanti ed ex campioni del mondo

  • Notte movimentata: rissa tra giovani e spari contro un'auto

Torna su
BrindisiReport è in caricamento