Violazione obblighi, furto, maltrattamenti e violenza: quattro arresti

I carabinieri danno esecuzione a quattro diversi provvedimenti restrittivi: uno in carcere e tre ai domiciliari

Quattro misure restrittive, di cui una in carcere e tre in regime di domiciliari, sono state eseguite dai carabinieri del comando provinciale di Brindisi nell’ambito di quattro distinte attività.

Brindisi

A Brindisi, il 48enne Vincenzo Corsano è stato condotto in carcere in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dalla Corte d’Appello di Lecce, come aggravamento della misura dei domiciliari cui lo stesso era già sottoposto. Da quanto appurato dai carabinieri del Nor della locale compagnia, l’uomo in più occasioni avrebbe violato gli obblighi. In particolare è stato sorpreso mentre si intratteneva con soggetti già noti alle forze dell’ordine e nel corso di controlli notturni non ha risposto alle insistenti chiamante, non presentandosi ai carabinieri, che per circa 30 minuti lo hanno atteso nei pressi della sua abitazione. In un’altra circostanza sarebbe stata notata la sua presenza davanti a un condominio situato a circa quattro chilometri di distanza dalla sua abitazione, senza alcuna autorizzazione. 

San Michele  Salentino

A San Michele Salentino, è stata eseguita una ordinanza di sottoposizione alla detenzione domiciliare emessa dal tribunale di sorveglianza di Lecce, nei confronti di un 50enne del posto deve espiare la pena residua di un anno e 11 mesi di reclusione per i reati di falsità ideologia commessa dal pubblico ufficiale in atti e falsità materiale, nonché appropriazione indebita. Il provvedimento gli è stato notificato dai carabinieri della locale stazione. 

Villa Castelli

Un 36enne di Villa Castelli, invece, espierà ai domiciliari un residuo di pena pari a tre mesi e 12 giorni di reclusione per un furto di materiale ferroso commesso nel dicembre 2018 all’interno di uno stabilimento, con la complicità di un altro soggetto. 

Sempre a Villa Castelli, è stato eseguito un ordine di carcerazione in regime di domiciliari a carico di un 35enne del posto che deve scontare la parte residua di una pena pari a tre anni e quattro mesi di reclusione per maltrattamenti in famiglia e resistenza e violenza a pubblico ufficiale. Nel 2017, in particolare, a Castellaneta, il 35enne fu arrestato in flagranza per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni nei riguardi dei carabinieri e di un maresciallo della polizia municipale.

Quest’ultimi due provvedimenti restrittivi sono stati eseguiti dai carabinieri della stazione di Villa Castelli. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Traffico internazionale di sostanze stupefacenti: nove arresti

  • Agguato al rione Sant'Elia: giovane automobilista ferito alla gamba

  • Covid-19, anche un ricercatore di Francavilla a caccia della cura

  • Su 9 nuovi casi in Puglia, sette sono della provincia di Brindisi

  • Coronavirus, nell'ospedale Melli cinque operatori sanitari e un paziente positivi

  • Movida blindata a Brindisi: le forze dell'ordine sciolgono gli assembramenti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento