Violenza sulla moglie e stalking ai danni della ex: due arresti

Un arresto un flagranza a San Donaci, per maltrattamenti ai danni di una donna. A Cisternino eseguito un provvedimento restrittivo

A San Donaci un 51enne maltrattava la moglie anche in presenza di un figlio. A Cisternino, nonostante una misura del divieto di avvicinamento già emessa a suo carico, un 41enne continuava a perseguitare la ex coniuge. Entrambi gli uomini sono stati arrestati dai carabinieri delle locali stazioni. In primo in flagranza di reato. Il secondo in esecuzione di un'ordinanza in regime di domiciliari. 

San Donaci

I carabinieri della stazione di San Donaci hanno arrestato in flagranza di reato un 51enne del luogo, per maltrattamenti in famiglia. In particolare, su richiesta telefonica pervenuta al 112, i carabinieri sono intervenuti per sedare la segnalata lite tra coniugi, sorprendendo l’uomo nell’abitazione. Gli immediati accertamenti hanno evidenziato episodi di violenza fisica, morale e psicologica, attuati in ambito domestico dal prevenuto nei confronti della propria coniuge, per futili motivi e, come se non bastasse, anche alla presenza del figlio minore. Atti manifestatisi con reiterati atteggiamenti vessatori, di maltrattamenti e aggressioni fisiche.  

La parte lesa, nella circostanza, a causa dello stato di agitazione ha fatto ricorso alle cure mediche del 118 mentre l’arrestato è stato posto agli arresti domiciliari. 

Cisternino

A Cisternino, i carabinieri della locale stazione hanno dato esecuzione a un’ordinanza emessa dalla Corte d’Appello di Lecce, nei riguardi di un 41enne del luogo, indagato per atti persecutori nei confronti della ex coniuge. All’uomo, già nel mese di novembre 2017, gli era stata irrogata la misura coercitiva del divieto di avvicinamento alla persona offesa, emessa dal tribunale di Brindisi. Il provvedimento coercitivo era scaturito al termine delle indagini condotte dai militari, sulla scorta delle denunce presentate dalla vittima. Nello specifico erano emersi una serie di comportamenti vessatori attuati dall’uomo nei riguardi della donna, atti che si erano concretizzati a mezzo di pedinamenti e appostamenti.

Gli atti persecutori nei riguardi della donna, di cui al presente provvedimento della Corte d’Appello di Lecce, erano iniziati a causa dell’interruzione della loro relazione, non accettata dall’uomo. Le nuove risultanze hanno fatto emergere che le violazioni alle prescrizioni sono continuate. Infatti l’uomo ha fatto ricorso a ogni espediente per avvicinarsi alla donna nonostante fosse stato sottoposto alla misura coercitiva, continuando a perseguitarla, seguendola e spiandola in tre distinte circostanze tra i decorsi mesi di aprile e maggio 2019. Il 41enne, al termine delle formalità di rito, è stato condotto nella sua abitazione in regime degli arresti domiciliari, con la prescrizione di non allontanarsi senza specifica autorizzazione.

Potrebbe interessarti

  • Dopo Ferragosto, in forma con la dieta detox

  • Potassio, usi e benefici: perché assumerlo e gli alimenti che lo contengono

  • Falsi amici: gli alimenti che mangi per dimagrire, invece fanno ingrassare

  • Topi, sporcizia e inciviltà: il parco del Cillarese sprofonda nel degrado

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla superstrada: camionista travolto e ucciso da un'auto

  • "Hanno aiutato il nostro bimbo, aiutateci a rintracciarli e ringraziarli"

  • Tamponamento sulla superstrada finisce con denuncia per rissa

  • Pulmino si schianta contro un albero: feriti sette braccianti, due sono gravi

  • Scontro sulla litoranea: mamma e due bambini in ospedale

  • Auto si ribalta sulla superstrada: illesi tre giovani brindisini

Torna su
BrindisiReport è in caricamento