Assalto al Tir delle scarpe di lusso/ Video

BRINDISI – Grazie all’ausilio del Gps, i poliziotti della Squadra mobile di Brindisi hanno recuperato un carico di scarpe di lusso dei marchi Hogan, Tod’s e Gucci, per un valore complessivo pari a oltre due milione di euro, che viaggiava a bordo di un Tir rapinato.

Le armi, le cartucce, le parrucche e i passamontagna sequestrati

BRINDISI – Grazie all’ausilio del Gps, i poliziotti della Squadra mobile di Brindisi hanno recuperato un carico di scarpe di lusso dei marchi Hogan, Tod’s e Gucci, per un valore complessivo pari a oltre due milione di euro, che viaggiava a bordo di un Tir rapinato nella tarda serata di ieri sulla strada statale 379 Brindisi - Bari, all’altezza dello svincolo per Torre Canne (video).

Il bottino si trovava all’interno di una masseria situata in contrada “La Pigna”, nelle campagne di Tuturano, il cui titolare, il brindisino Luigi Zinzeri, 62 anni, difeso dall'avvocato Giuseppe Guastella,  coltivatore di carciofi, è stato arrestato per ricettazione. Oltre alla merce, gli della mobile di Brindisi diretti dal vicequestore Alberto Somma, in sinergia con i colleghi del commissariato di Monopoli (Bari), hanno sequestrato anche due pistole semiautomatiche con matricola abrasa, passamontagna, parrucche e cartucce appartenenti al commando armato che ha assaltato il mezzo pesante.

Il conducente, una persona residente nel Leccese, era diretto verso un noto outlet di Casette D’Ete, nelle Marche. Intorno alle 23.30, il malcapitato è stato affiancato e costretto fermarsi da tre automobili (una Lancia Delta, una Fiat 159 e un veicolo non identificato) a bordo delle quali viaggiavano almeno 8 individui con il volto coperto da una parrucca e da un passamontagna.

La rapina è stata brutale. Dopo essersi impadroniti del camion, infatti, i balordi hanno costretto la vittima a entrare nel bagagliaio di una delle loro auto, per poi scaricarlo in aperta campagna, a qualche chilometro di distanza. Questi ha chiesto subito aiuto a delle persone che si trovavano in un’autocarrozzeria di Fasano, che però hanno mostrato solo indifferenza nei suoi confronti. Successivamente, la vittima è riuscita a contattare la polizia attraverso il 113 ed è stato subito soccorso da alcune pattuglie del commissariato di Monopoli.

Le ricerche dei criminali sono partite immediatamente. Grazie alla segnalazione ricevuta dall’impianto Gps di cui era munito l’autoarticolato, i poliziotti sono riusciti a circoscrivere la zona in cui lo stesso era stato occultato. E intorno alle 8.30 odierne, gli investigatori hanno individuato la masseria in cui era stata collocata la refurtiva: ben occultata all’interno di un vano. Nel corso della perquisizione, poi, oltre alle armi del commando, sono stati trovati alcuni artifizi pirotecnici illegalmente detenuti e altro materiale che ha suscitato l’interesse delle forze dell’ordine.

L’intero carico di scarpe, una volta terminato l’inventario, verrà restituito all’avente diritto. Zinzeri, già noto alle forze dell’ordine proprio per ricettazione, nel frattempo è stato accompagnato presso la casa circondariale di Brindisi in via Appia, su disposizione del pm di turno, Manuela Pellerino.

 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion si ribalta e sfonda spartitraffico: superstrada riaperta al traffico

  • Tute, scooter e passamontagna: i "Falchi" scoprono il covo dei rapinatori

  • Ultraleggero pilotato da brindisino si schianta su muretto

  • Tamponamento tra furgone e trattore sulla provinciale: feriti i conducenti

  • “Aste giudiziarie, prove evidenti”: processo immediato per nove brindisini

  • Lite in strada finisce con accoltellamento: un ferito e un arresto

Torna su
BrindisiReport è in caricamento