Atti persecutori e violazione degli obblighi: uno in carcere, l'altro ai domiciliari

I carabinieri eseguono un'ordinanza di custodia cautelare a Brindisi e un ordine di carcerazione a Villa Castelli

BRINDISI -  Uno deve scontare una condanna definitiva. L’altro avrebbe violato in più circostanze gli obblighi restrittivi. Due provvedimenti restrittivi son stati eseguiti dai carabinieri a Brindisi e Villa Castelli.

Nel capoluogo, è stata emessa una ordinanza di custodia cautelare a carico di un brindisino di 44 anni, Teodoro Valenti, che in più occasioni, da quanto accertato dai carabinieri della locale stazione, avrebbe trasgredito le disposizioni previste dalla misura degli arresti domiciliari, alla quale era sottoposto. L’ordinanza gli è stata notificata in carcere, dove era già recluso per altri motivo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A Villa Castelli, invece, i carabinieri della locale stazione hanno eseguito un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Brindisi carico di un uomo che deve scontare la parte residua di una pena a un anno e quattro mesi di reclusione per atti persecutori. L’uomo salderà in regime di domiciliari il conto con la giustizia 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aveva smarrito la bici e scritto un biglietto per ritrovarla: la polizia gliene regala una nuova

  • La spiaggia libera? E' mia, e me la gestisco io

  • Furti d'auto in trasferta: identificati e arrestati due brindisini

  • Dal cantiere alle campagne: arrestati i vertici dell'Anonima rifiuti

  • Era senza, gli prestano mascherina. Il capotreno lo fa scendere

  • Cellino San Marco. Una nuova tenda pneumatica per la Croce Rossa di Puglia

Torna su
BrindisiReport è in caricamento