Atti persecutori e lesioni personali nei confronti delle ex: applicate misure cautelari

Un 43enne di Erchie è stato arrestato per non aver rispettato il divieto di avvicinamento. A un 35enne di Carovigno è stata applicata la misura coercitiva personale del divieto di avvicinamento

Atti persecutori e lesioni personali nei confronti delle ex mogli. Un 43enne di Erchie è stato arrestato per non aver rispettato il divieto di avvicinamento. A un 35enne di Carovigno, già denunciato, è stata applicata la misura coercitiva personale del divieto di avvicinamento.

Erchie

Il 43enne di Erchie è accusato di lesioni personali e atti persecutori. L’uomo già nel marzo scorso era stato sottoposto al divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla sua ex moglie. “Dopo un periodo di stretta osservanza delle prescrizioni, il 43enne ha ripreso a seguirla, attuando comportamenti implicitamente minacciosi e in particolare in due circostanze, quando con la sua moto si è avvicinato a pochi centimetri dall’auto della donna, fissandola con atteggiamento di sfida per poi superarla e rallentare impedendole il sorpasso”. Spiegano i carabinieri in una nota. Una testimone avrebbe anche riferito che, in quella circostanza, ha fatto finta di investire la donna.

È emerso, inoltre, che mentre la moglie si era recata presso caserma dei carabinieri, l’uomo è passato più volte con il pretesto di andare a trovare la madre che abita in quella zona, con la quale non ha rapporti da oltre 10 anni. Pertanto a seguito della violazione degli obblighi, l’Autorità giudiziaria ha applicato all’uomo la misura cautelare degli arresti domiciliari "in quanto la libertà di movimento di cui ha goduto ha favorito la prosecuzione delle condotte criminose". L’arrestato, al termine delle formalità di rito, è stato condotto nella sua abitazione in regime di arresti domiciliari.

Carovigno

Il 35enne di Carovigno, invece, è indagato per atti persecutori. Si è reso responsabile di comportamenti aggressivi e violenti nei confronti della ex moglie sin dal 2016, perchè non ha accettato la scelta della donna di interrompere la relazione. 

L’uomo è stato raggiunto da un "divieto di avvicinamento alla persona offesa e ai luoghi da questa abitualmente frequentati, nonché il divieto di rivolgerle la parola in qualunque modo, anche ove la incontri casualmente".

“Non accettando la decisione della donna di interrompere la loro relazione coniugale, ha minacciato e molestato la donna da cui è separato, inveendole contro in stato di ubriachezza, mostrandosi aggressivo anche nei riguardi degli ex suoceri, in tal modo cagionandole un perdurante e grave stato di ansia e di paura, un fondato timore per l’incolumità propria e del figlio minore, costringendola a modificare le abitudini di vita e in particolare di non uscire da sola di casa per timore di incontrarlo ed essere aggredita”.

“L’uomo ha anche sottoposto in precedenza l’ex moglie a reiterati e gravissimi atti di violenza fisica, morale e psicologica, percuotendola ripetutamente con allarmante frequenza, anche alla presenza del figlio minore, instaurando all’interno delle mura domestiche un regime di terrore”.

“In altre circostanze, dopo averla minacciata ed ingiuriata, le ha puntato alla gola un coltello da cucina, nonché ha tentato anche di investirla con la sua vettura. La pluralità degli episodi persecutori sin dal 2016, nel tempo hanno trasformato la vita della donna in un autentico calvario. Pertanto, la misura coercitiva applicata dall’Autorità Giudiziaria nei confronti dell’indagato appare allo stato l’unica idonea ad impedire la prosecuzione delle medesime condotte criminose”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aveva smarrito la bici e scritto un biglietto per ritrovarla: la polizia gliene regala una nuova

  • La spiaggia libera? E' mia, e me la gestisco io

  • Brindisi: i carabinieri scoprono undici furbetti del reddito di cittadinanza

  • Notte movimentata: rissa tra giovani e spari contro un'auto

  • Furti d'auto in trasferta: identificati e arrestati due brindisini

  • Dal cantiere alle campagne: arrestati i vertici dell'Anonima rifiuti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento