Norman Atlantic, Authority parte civile: "Danni per il porto di Bari"

Il gup del tribunale di Bari ammette 61 parti civili. Trenta persone rischiano il processo. Il naufragio nel dicembre 2014

BARI – C’è anche l’Autorità di sistema portuale del Mar Adriatico Meridionale fra i 61 soggetti ammessi alla costituzione di parte civile nel processo sul naufragio del Norman Atlantic. Questo l’esito dell’udienza preliminare che si è svolta stamani (martedì 21 maggio) presso l’aula bunker di Bitonto, davanti al gup Francesco Agnino.

La motonave venne investita da un incendio la notte tra il 27 e 28 dicembre 2014 mentre si trovava al largo delle Coste dell’Albania, dopo aver lasciato la Grecia. Trentuno persone persero la vita. Altri 64 passeggeri riportarono ferite. I rimorchiatori dell’Impresa Fratelli Barretta di Brindisi, a bordo dei quali si trovavano anche due squadre del comando provinciale dei vigili del fuoco di Brindisi, presero parte alle operazioni di spegnimento delle fiamme, in mare aperto.

La mattina del 2 gennaio 2015 il relitto, trainato da un rimorchiatore, arrivò nel porto di Brindisi, ancora fumante. Alcune settimane dopo, spento anche l’ultimo dei focolai che per giorni si sono sviluppati nella stiva, la nave venne trainata verso il porto di Bari.  Trenta persone, fra cui l’armatore, i due legali rappresentanti della società greca Anek Lines, noleggiatrice della motonave, il comandante Argilio Giacomazzi e 26 membri dell'equipaggio rischiano il rinvio a giudizio.  I reati contestati sono a vario titolo di cooperazione colposa in naufragio, omicidio colposo e lesioni colpose plurime.

Così l’Autorità di sistema portuale ha commentato sulla propria pagina Facebook la notizia dell’accoglimento dell’istanza di costituzione parte civile: “Ne siamo davvero soddisfatti perché il porto di Bari ha ricevuto un immenso danno di immagine ed economico dalla presenza per quattro anni del relitto della Norman Atlantic”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brindisi-Taranto: attivato controllo giornaliero con Autovelox

  • Doppio inseguimento e lancio di chiodi dopo assalto a bancomat

  • Muore schiacciato da un trattore: tragedia nelle campagne

  • Quanto costa una casa a Brindisi quartiere per quartiere

  • Operaio investito: un collega insegue auto pirata e la blocca

  • Bollo auto e Documento unico di circolazione, le novità 2020

Torna su
BrindisiReport è in caricamento