Autorizzazioni mancanti: sospesa attività di un deposito di vini

Ordinanza emessa dall'Asl Brindisi a seguito di una ispezione dei carabinieri del Nas. Bottiglie di vino depositate vicino ad attrezzi agricoli

OSTUNI - Il direttore del servizio igiene alimenti e nutrizione dell’Asl di Brindisi, ha emesso ordinanza con la quale ha disposto la sospensione immediata dell’attività di deposito di vini non autorizzata svolta all’interno di un’azienda vitivinicola di Ostuni.

L’ordinanza è stata emessa a seguito di una verifica ispettiva condotta da personale del Nucleo Antisofisticazioni e Sanità di Taranto. Nella circostanza è stata accertata l’attivazione di un deposito di attrezzi agricoli, all’interno del quale era stato ricavato uno spazio utilizzato come deposito di vino imbottigliato.

In particolare riguardo al deposito, è stata rilevata l’assenza della registrazione dell’attività alimentare che non è risultata censita nella planimetria allegata alla Dia sanitaria. Il valore della struttura ammonta a 100.000 euro.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion si ribalta e sfonda spartitraffico: superstrada riaperta al traffico

  • Tute, scooter e passamontagna: i "Falchi" scoprono il covo dei rapinatori

  • Ultraleggero pilotato da brindisino si schianta su muretto

  • Tamponamento tra furgone e trattore sulla provinciale: feriti i conducenti

  • “Aste giudiziarie, prove evidenti”: processo immediato per nove brindisini

  • Lite in strada finisce con accoltellamento: un ferito e un arresto

Torna su
BrindisiReport è in caricamento