Rissa tra tifosi al termine della partita di calcio: emessi nove Daspo

Da 1 a 4 anni di divieto di accedere alle manifestazioni calcistiche nazionali ed europee emesso per 9 tifosi della Usd Virtus Francavilla Calcio. Si conclude così, al momento, una rissa scoppiata fuori dallo stadio "Giovanni Paolo II" il 22 maggio scorso

FRANCAVILLA FONTANA - Da 1 a 4 anni di divieto di accedere alle manifestazioni calcistiche nazionali ed europee emesso per 9 tifosi della Usd Virtus Francavilla Calcio, la squadra locale che milita nel campionato di Lega Pro. Si conclude così, al momento, una rissa scoppiata fuori dallo stadio “Giovanni Paolo II” il 22 maggio scorso al termine della partita contro il Siracusa valevole per la “poule scudetto” del campionato nazionale dilettanti.

I provvedimenti di Daspo sono stati emessi dal questore di Brindisi al termine di un’attività di indagine avviata dai carabinieri della locale compagnia unitamente ai colleghi del Nucleo operativo radiomobile che intervennero per sedare gli animi. I nove tifosi, di età compresa tra i 24 e i 50 anni, sono stati individuati attraverso filmati e materiale fotografico. La rissa scoppiò al termine della partita, secondo quanto accertato qualche diverbio c’era già stato negli spogliatoi, poi i tifosi del Francavilla raggiunsero il settore ospiti e cominciarono le aggressioni. I gruppi furono divisi dai carabinieri, già presenti sul posto. A distanza di tre mesi è arrivato il conto. Domenica scorsa la Virtus ha affrontato in casa il Monopoli per la Coppa Italia Lega Pro, i nove tifosi non potranno più seguire loro squadra del cuore. Nell’indagine sono coinvolti anche tifosi del Siracusa.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ultraleggero pilotato da brindisino si schianta su muretto

  • Terremoto di magnitudo 5.8 presso Durazzo, paura nel Brindisino

  • Lite in strada finisce con accoltellamento: un ferito e un arresto

  • Traffico di droga, otto brindisini sotto processo dopo verbali dei pentiti

  • L'autofficina era abusiva: scattano denuncia e sequestro

  • Cocaina per mezzo milione di euro: brindisino condannato a sette anni

Torna su
BrindisiReport è in caricamento