Banda del buco svaligia gioielleria

BRINDISI – Furto con buco alla gioielleria Flores, di Giuseppina Flores di piazza Matteotti a Brindisi: i ladri hanno portato via preziosi, orologi e monili in oro. Della razzia si sono accorti gli agenti dell'istituto di vigilanza Sveviapol nel pomeriggio di oggi.

La gioielleria Flores

BRINDISI – Furto con buco alla gioielleria Flores, di Giuseppina Flores di piazza Matteotti a Brindisi: i ladri hanno portato via preziosi, orologi e monili in oro. Della razzia si sono accorti gli agenti dell'istituto di vigilanza Sveviapol nel pomeriggio di oggi quando hanno notato nei monitor della sala operativa della loro sede l'assenza del collegamento con il sistema di sorveglianza della gioielleria. La commerciante era fuori Brindisi insieme al marito, ed è tornata in città poco più di un'ora fa, trovando la brutta sorpresa. Indaga la polizia.

Un colpo studiato a tavolino che suscita perplessità e interrogativi, oltre che rabbia. Il danno è ingente e non è coperto da assicurazione, i ladri hanno avuto tutto il tempo di svuotare vetrine e banconi e hanno agito indisturbati. Sono riusciti, infatti, a neutralizzare sia il sistema di allarme che quello di video sorveglianza. La gioielleria è stata chiusa alle 13,30 del 31 dicembre e sarebbe stata riaperta venerdì mattina. Non è escluso che il furto non sia stato compiuto oggi, quando l'agenzia di vigilanza si è accorta dell'assenza del collegamento col sistema di allarme.

I ladri sono entrati attraverso un varco creato in uno stanzino che si trova nel condominio al civico 8 di via Santi, la strada dove corrisponde il retro della gioielleria. Per accedervi si passa da un'itercapedine larga circa 40 centimetri. Lo stanzino da cui sono entrati corrisponde a uno sgabuzzino leggermente sottoposto al negozio di preziosi dove si giunge attraverso alcuni scalini. Questo fa supporre che i malfattori sapevano esattamente come muoversi ed erano a conoscenza della prolungata assenza dei proprietari e anche che avrebbero trascorso il tempo in cui la gioielleria era chiusa fuori città.

I ladri forse sapevano anche quando i proprietari sarebbero tornati a Brindisi e che l'entrata in funzione del sistema di allarme non avrebbe portato immediatamente i sorveglianti sul posto. Perchè non avevano le chiavi per aprire. Giuseppina Flores e il marito sono stati informati del presunto furto (la certezza si è avuta solo quando hanno alzato le saracinesche) poco dopo le 16 di oggi ma hanno potuto raggiungere il negozio di preziosi, situato peraltro di fronte alla sede del Comune di Brindisi, solo in serata. Ma era troppo tardi.

La conta dei danni non è ancora conclusa ma da un primo sommario inventario è ingente. Saranno ora i poliziotti a dover fare chiarezza sulla vicenda.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giallo di Ceglie: i due rumeni si sarebbero uccisi a vicenda

  • Attentato a Brindisi: bomba devasta l'ingresso di un bar in viale Commenda

  • Incidente sulla circonvallazione: giovane motociclista in ospedale

  • Inseguimento si conclude con scontro frontale: un arresto

  • Grave aggressione contro operatori del 118: danneggiata un'ambulanza

  • Incidente sulla superstrada, auto contro alberi: grave un giovane

Torna su
BrindisiReport è in caricamento