Lotte alle truffe e gestione beni confiscati: due incontri in Prefettura

Una nuova seduta del Comitato per le prevenzione delle truffe finanziarie e agli anziani, e la firma del protocollo per la gestione dei beni confiscati alla criminalità hanno caratterizzato stamani il lavoro della prefettura di Brindisi

BRINDISI – Si è riunito in Prefettura nei giorni scorsi, per la seconda volta, il Comitato per la prevenzione dei reati di truffa istituito dal prefetto Annunziato Vardè, per ideare e mettere in atto attività per incrementare anche le capacità di autoprotezione da questi reati di anziani e soggetti sprovvisti di nozioni finanziarie. E’ stato deciso che da gennaio saranno progettati e indetti incontri in vari centri della provincia, con obiettivi di formazione e di informazione, coinvolgendo le associazioni di categoria, le forze sociali, ma anche le parrocchie e altri soggetti di aggregazione sociale e culturale.

Del comitato fanno parte, oltre la Prefettura, le forze di polizia, il segretario della Commissione regionale Abi (l’associazione delle banche italiane), le associazioni dei consumatori Adicom e Adoc, che hanno il compito. Nel corso dell’incontro è stata presa visione del vademecum approntato proprio da Abi. La brochure, che la Prefettura pubblicherà online sul proprio sito web, contiene consigli per prevenire truffe, e metodi di comportamento nel caso non si abbia esperienza finanziaria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sempre stamani in Prefettura, alla presenza del prefetto Vardè, anche i Comuni di Cellino San Marco, Francavilla Fon tana e Villa Castelli, e i segretari generali di Cgil, Cisl, Uil e Ugl hanno aderito formalmente al “Protocollo d’intesa del 9 maggio 2016 per la creazione di una rete di partenariato intercomunale per il coordinamento delle attività di riutilizzo sociale e produttivo dei beni confiscati alla criminalità organizzata. Il protocollo era stato già firmato a maggio dai Comuni di Brindisi, Mesagne, Oria, San Pietro Vernotico, San Vito dei Normanni, San Pancrazio Salentino e Torchiarolo, e dall’associazione Libera, l’unica per ora impegnata nella gestione di beni confiscati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova vita per le auto rubate: arrestate dodici persone

  • Hai un geco in casa e vuoi liberartene? Ecco le soluzioni

  • Sversavano tonnellate di veleni: Brindisi come la "Terra dei Fuochi"

  • Altri sette casi positivi nel Brindisino sui 10 registrati in Puglia

  • Altri sei contagi e due morti nel Brindisino. Dati in calo nel resto della Puglia

  • Su 9 nuovi casi in Puglia, sette sono della provincia di Brindisi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento