Rapina ad automobilista con esplosione di un colpo di pistola: arrestati tre giovani

Arrestati i presunti autori di una rapina perpetrata nella notte tra l’11 e il 12 dicembre scorso a Brindisi ai danni di un automobilista di Ostuni

BRINDISI – Arrestati i presunti autori di una rapina perpetrata nella notte tra l’11 e il 12 dicembre scorso a Brindisi ai danni di un automobilista di Ostuni. Sabato scorso sono stati raggiunti da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere Berardo Tedesco 20 anni, Samuele Protino 18 anni, Ruben Narcisi 19 anni. Le indagini sono state condotte dagli agenti della Sezione antidroga della Squadra Mobile di Brindisi diretta dal vice questore aggiunto Antonio Sfameni, giunti sul posto subito dopo il colpo insieme ai colleghi della Sezione Volanti.

Automobilista rapinano in città

La ricostruzione fatta dalla polizia

Sono le ore 1,13 circa del 12 dicembre 2018 quando un giovane, alla guida di un’Audi A4, sta transitando in Piazza Raffaello al quartiere TEDESCO (FILEminimizer)-2Sant’Elia a Brindisi. La strada è stranamente ostruita da transenne. Il giovane fa retromarcia, ma durante la manovra viene raggiunto da due persone con il volto coperto da una maschera del tipo “V per vendetta”.  Pensando inizialmente a uno scherzo di cattivo gusto cerca di allontanarsi, ma uno dei due soggetti gli si piazza davanti puntando una pistola contro il parabrezza. Il guidatore non può fare altro che fermarsi, il bandito esplode un colpo di pistola sul parabrezza in direzione del lato passeggero.

A quel punto, in dialetto brindisino, lo stesso rapinatore che aveva sparato intima al giovane uscire dall’auto e fuggire. La vittima obbedisce e i due malfattori salgono in auto e fuggono in direzione di via Modigliani. 

Le indagini e l'arresto 

NARCISI (FILEminimizer)-2I poliziotti, chiamati subito dopo il colpo, si sono messi subito a lavoro per individuare i responsabili. Dalle indagini è emerso che il 20enne Berardo Tedesco, insieme a un complice ancora ignoto, è uno dei due che ha perpetrato la rapina. Il 18enne Samuele Protino sarebbe colui che ha portato in auto due rapinatori in piazza Raffaello. Entrambi sono accusati di concorso in rapina aggravata dall'uso delle armi e detenzione e porto di arma in luogo pubblico in concorso con terza persona rimasta ignota. Il 19enne Ruben Narcisi, invece, si sarebbe occupato di recuperare i due rapinatori dopo il colpo, aiutare i due nell’individuazione del Gps dell’Audi e recuperare la stessa dal luogo dove era stata nascosta. E' accusato di favoreggiamento personale. 

Nella mattinata di sabato scorso i poliziotti dell’Antidroga hanno arrestato e condotto in carcere Tedesco, e posto ai domiciliari, Narcisi. Protino risultato inizialmente irreperibile è stato arrestato (su sua stessa indicazione) presso la stazione ferroviaria di Brindisi, ieri, domenica 24 marzo, subito dopo essere sceso da un treno proveniente dal nord Italia, anche per lui si sono aperte le porte del carcere di via Appia a Brindisi. L'ordinanza di arresto è stata emessa dal gip Tea Verderosa su richiesta del pubblico ministero Paola Palumbo. 

Samuele Protino il 19 novembre 2018, prima, quindi, della rapina ai danni del conducente dell'Audi A4, era stato raggiunto da colpi di arma da fuoco in piazza Licini al quartiere Sant'Elia. Rimase ferito a gomito e gamba sinistra

Potrebbe interessarti

  • Blatte e scarafaggi, come allontanarli

  • Anguria, antiossidante: proprietà, benefici e controindicazioni

  • Cicloturismo a Brindisi e provincia: le associazioni crescono

  • Lavastoviglie: consigli per averla sempre pulita e profumata

I più letti della settimana

  • Tragedia in campagna: donna rimane incastrata in una vecchia fornace, muore in ambulanza

  • Incidente mortale sul cavalcavia: condannato per omicidio stradale

  • Furgone imbottito di marijuana: 218 chili, un arresto

  • Bottiglie d'acqua minerale esposte al sole: sequestro in un supermercato

  • Ruba un'auto e ne fa un clone di quella identica di un amico

  • Inseguiti e arrestati subito dopo il furto di uno scooter

Torna su
BrindisiReport è in caricamento