Bomba, Brindisi chiusa in 41 punti. Droni dei vigili del fuoco

Dalle 5,30 non sarà più possibile entrare in città. Previsto flusso di 12mila auto in uscita dalle zone da evacuare. Controlli anti-sciacalli

BRINDISI – Per isolare la città di Brindisi il 15 dicembre prossimo, giorno previsto per le operazioni di trasferimento e disinnesco dell’ordigno bellico, sono stati previsti 41 “cancelli” di chiusura in corrispondenza dei punti di accesso alla città.

Presunto ordigno bellico Maxicinema Andromeda-2

I varchi di chiusura

Sono varchi di blocco a protezione della popolazione e saranno attivi dalle 5,30: da quell’ora, contemporaneamente all’inizio dell’evacuazione che interessa 53.669 residenti, non sarà più possibile entrare nelle zone definite rosse e gialle, ossia le aree che rientrano nel raggio di 1.617 metri dal cinema Andromeda, nel rione Bozzano, lì dove è stata rinvenuta la bomba.

I varchi saranno istituiti in corrispondenza delle seguenti strade: Via provinciale per San Vito, nei pressi del dormitorio; via del Lavoro; via Tancredi all’intersezione con via Tacito; Via Tacito incrocio con via Corte Tacito; Via Sabaudia; via Pontinia; via Grazia Balsamo; via don Gnocchi; via don Minzoni; via Pietro Chimienti; via don Tommaso Stile; via Appia; via Montebello; via Moncalieri; via San Martino della Battaglia; via Bezzecca; via Caduti di via Fani; via Modigliani; viale Caravaggio; via Ligabue; via Emilio Gola; via Ciardi intersezione con via Ranzoni; via Leonardo da Vinci; via Pellizza da Volpedo; strada interpoderale chiusura con catena; strada per Patri; strada per San Vito; strada provinciale 79: ex strada 16; complanare Bozzano-La Rosa; via Martiri delle fosse Ardeatine; strada litoranea Sud; via Ghandi; strada per Villanova; via Natta; strada per fiume Piccolo (quattro accessi) e infine incrocio della morte.

Ogni “cancello” sarà presidiato da agenti della polizia locale, altre forze dell’ordine e volontari. Sarà quindi impossibile penetrare nell’area da evacuare fino a quando non saranno arrivate a conclusione le operazioni di brillamento dell’ordigno risalente alla Seconda guerra mondiale, trovato per caso il 2 novembre scorso durante lavori di ampliamento del multisala.

brigante orefice-2

Il flusso di auto

Si tratta di una misura a scopo precauzionale prevista dal protocollo del ministero, al quale il comando della polizia locale sta facendo riferimento assieme a tutto il personale impegnato nell’organizzazione della giornata stabilita per l’evacuazione da record.

Dovranno lasciare abitazioni e uffici 53.669 brindisini. In corrispondenza del movimento di persone, è stato stimato un flusso di auto compreso tra undicimila e 12mila, in uscita dalla città a partire dalle 5 e sino alle 8, quando dovrebbe terminare l’evacuazione.

Il numero utile

“La collaborazione di tutti è fondamentale”, ripete anche oggi il comandante della Polizia locale, Antonio Orefice. “Invitiamo ogni brindisino a fare la propria parte”, sottolinea. “Da oggi è attivo il numero utile 0831229888 che il Comune ha previsto per persone non autosufficienti che non possono contare sul supporto della Asl”.

La linea telefonica è attiva da oggi e fino a venerdì, dalle 9,30 alle 13,30, e da lunedì prossimo tutti giorni sino al 15 dicembre (eccezione fatta per il fine settimana). Il giovedì pomeriggio, dalle 15 alle 17. Le telefonate saranno ricevute da quattro operatori, due del Comune e due del Comando. I cittadini dovranno fornire tutte le indicazioni utili con riferimento alla propria situazione: condizioni di salute, eventuali medicinali o terapie da seguire.

Presunto ordigno bellico maxicinema Andromeda (2)-2-2

I droni

Per garantire sicurezza anche alle proprietà private, abitazioni, uffici e attività commerciali, il comando dei vigili del fuoco ha previsto un controllo dall’alto della città, affidato a droni. Misure di sicurezza in funzione anti-sciacalli (pericolo che non può essere escluso, purtroppo), sono in corso riunioni tecniche negli uffici della polizia, su richiesta del questore Ferdinando Rossi.

Dal Comune, intanto, ricordano che il sindaco Riccardo Rossi, nei prossimi giorni firmerà un’ordinanza per l’evacuazione dei residenti nelle aree convenzionalmente indicate come rosse e gialle. Sarà necessario, inoltre, disporre la chiusura delle scuole, comunali e provinciali, destinate a centri di accoglienza, almeno per il giorno successivo all’evacuazione per consentire le operazioni di pulizia e sanificazione degli ambienti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'ultimo saluto a "Donna Jolanda" tra lacrime e lunghi applausi

  • Morta la mamma di Albano Carrisi, la sua "origine del mondo"

  • I fratelli Gargarelli di Brindisi conquistano la finale di Tu sì que vales

  • Ciao Grazia, mamma coraggiosa: borsa di studio per i suoi due bimbi

  • Assalto armato al bar: un cliente dà l’allarme, banditi subito circondati

  • Bomba, sindaco firma ordinanza per evacuazione: denuncia per chi resta

Torna su
BrindisiReport è in caricamento